Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

MotoGp, i dubbi sulla salute di Marquez: affetto da diplopia, rischia la carriera?

La paralisi del quarto nervo cranico genera una patologia degli occhi: il pilota spagnolo ci vede doppio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Prima il braccio, ora un nervo paralizzato, e la diplopia. Ci vede doppio. Marc Marquez non correrà l’ultimo Gp stagionale a Valencia e salterà anche i primi test per il 2022, in programma il 18 e 19 novembre. La sua carriera, al momento, è riassunta in una caduta dietro l’altra. Tanto che ora si teme che i continui infortuni e problemi fisici lo possano indurre a fermarsi definitivamente.

Negli ultimi giorni, spiega un comunicato del team Honda, “Marc ha continuato a sentirsi male e ha sofferto di problemi alla vista, motivo per cui questo lunedì è stato visitato dall’oculista dottor Sanchez Dalmau presso l’Hospital Clínic che lo ha visitato e ha eseguito i test, che rilevato un nuovo episodio di diplopia”.

“L’esame effettuato a Marc Marquez – spiega il dottor Sanchez Dalmau nella nota – dopo l’incidente occorso ha confermato che il pilota è affetto da diplopia e ha evidenziato una paralisi del quarto nervo destro con interessamento del muscolo obliquo superiore destro. È stato scelto un trattamento conservativo con aggiornamenti periodici da seguire con l’evoluzione clinica. Il quarto nervo destro è quello già ferito nel 2011″.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»