Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dazn torna nella bufera, social in rivolta dopo lo stop alla condivisione dell’abbonamento

La pagina Facebook della piattaforma presa d'assalto dopo la notizia dello stop alla possibilità di vedere un evento contemporaneamente su due dispositivi. E su Twitter l'hashtag Dazn diventa trending topic
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il ciclone delle polemiche travolge nuovamente Dazn. Stavolta, però, non c’entrano i problemi di connessione durante la trasmissione in streaming delle partite di Serie A, che tanto avevano fatto penare i tifosi di tutta Italia nelle prime giornate di campionato. E che, nelle ultime settimane sembrano essere rientrati, anche se puntualmente, nel corso delle partite, sui social riemergono le lamentele di alcuni spettatori per i disservizi riscontrati. Adesso, la ‘colpa’ di Dazn è di aver deciso di dire basta alla possibilità, con un solo abbonamento, di seguire lo stesso evento da due dispositivi diversi. Una scelta che ha fatto scattare la rivolta degli internauti.

La mossa di Dazn di stoppare la cosiddetta ‘concurrency’ è stata accolta con un malumore generalizzato sui social. E, dato che non è ancora ufficiale – è stata anticipata da ‘Il Sole 24 Ore’ e dovrebbe partire da dicembre -, gli utenti di Facebook hanno preso d’assalto dei comuni post sulla pagina della piattaforma, come il più recente sulla programmazione della prossima settimana. Che in poche ore dalla notizia dello stop alla concurrency ha già raccolto più di mille commenti. Per fare un paragone, quello post derby Milan-Inter, quindi una partita di cartello, ne ha poco più di 400.

E le cose non vanno meglio su Twitter, dove l’hashtag #Dazn è tornato primo tra i trending topic. Con commenti niente affatto teneri nei confronti della piattaforma che, a partire da questa stagione e fino al 2024, si è aggiudicata i diritti tv dell’intero campionato di Serie A. E Sky, che finora aveva sempre fatto la parte del leone, a doversi accontentare delle briciole: tre partite di Serie A ogni giornata.

La lamentela più ricorrente sui social network è che il dietrofront di Dazn è arrivato a pochi mesi dalla sottoscrizione della maggior parte dei contratti. La possibilità di collegare il proprio account Dazn a un massimo di sei dispositivi, e di vedere un evento in contemporanea su due device, era infatti esplicitamente prevista nel contratto della piattaforma streaming. Adesso, invece, pare che si potrà fare solo se si condivide la stessa rete Internet. Dunque, una famiglia con una rete Wi-Fi e diversi dispositivi connessi alla stessa non avrebbe problemi.

Ma è indubbio che non è questa la casistica più rappresentativa degli abbonamenti condivisi: molto più spesso, sono amici o parenti che vivono in case o addirittura città diverse ad aver deciso di abbonarsi a Dazn dividendo i costi. Che attualmente ammontano a 29.99 euro al mese. In tanti sui social network fanno notare che la possibilità di condividere un abbonamento è previsto dalle principali piattaforme: da Sky a Netflix, da Amazon a Disney Plus.

E così sui social fioccano le minacce di disdetta, o addirittura denuncia – peraltro già annunciata dal Codacons. È il caso di Gaetano, che su Facebook scrive: “Togliere la doppia visione, una delle cose buone che avete, è da denuncia, venite meno ad un contratto che voi stessi avete stipulato, è vergognoso, pensateci bene, che state per fare un grosso guaio”. Mentre Antonio commenta: “L’unico motivo per il quale, nonostante il vostro servizio sia scadente, ho sottoscritto l’abbonamento con voi è per la possibilità dì avere la doppia visione su qualunque dispositivo visto che in famiglia ci sono universitari fuori sede, se davvero doveste fare una cosa del genere e toglierla spero vivamente che tutti come me disdicano l’abbonamento. Il calcio è dei tifosi ma tra lega e voi sta diventando un diritto di pochi costretti a sottostare alle vostre imposizioni. Invece di combatterla state incentivando la pirateria“.

Francesco fa invece notare l’infelice tempistica dell’annuncio dello stop alla concurrency: “La cosa brutta non è tanto togliere la doppia visione contemporanea, ma cacciarla durante l’anno corrente. Quante persone si sono abbonate a Dazn perdendo altre offerte solamente perché offriva questo servizio?“. Su Twitter, invece, spopola lo screenshot del sito della piattaforma in cui è spiegato che “con un’unica sottoscrizione, Dazn praticamente si sdoppia”. E si chiede a gran voce che gli utenti che hanno sottoscritto i contratti siano tutelati.

Qualcuno, però, riesce anche a scherzarci su. È il caso della pagina satirica Unfair Play, che ironizzando sui problemi nella visione delle partite in streaming, su Twitter scrive: “Da dicembre sarà possibile vedere Dazn su un solo dispositivo. Quindi uno in più di adesso”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»