fbpx

Tg Lazio, edizione del 9 novembre 2020

– ROMA, SGOMBERATA SEDE DEGLI ‘IRRIDUCIBILI’ LAZIO AL TUSCOLANO

E’ stata sgomberata la storica sede degli Irriducibili della Lazio in via Amulio 47, nella zona del Tuscolano a Roma. I tifosi biancocelesti occupavano abusivamente locali di proprietà dell’Inail. Il Pd aveva presentato in Consiglio comunale una mozione per lo sgombero, che il M5s non aveva votato. Questa mattina, invece, il blitz della Polizia che ha posto i sigilli ed effettuato una serie di sequestri, tra cui la panchina su cui venne ucciso il capo ultras Fabrizio Piscitelli, conosciuto con il soprannome di Diabolik, ucciso con un colpo di pistola il 7 agosto del 2019. Per molti ultras di estrema destra era diventata un oggetto di culto. “A Roma non c’è spazio per violenze e prepotenze- ha commentato la sindaca Virginia Raggi- Avanti a testa alta per ripristinare la legalità”.

– PIGNORATI CONTI ROMA METROPOLITANE, A RISCHIO STIPENDI NOVEMBRE

Un contenzioso da poco più di 900.000 euro con Metrofil, la società che si è occupata della realizzazione del corridoio Eur-Laurentina di Roma, rischia di bloccare gli stipendi di Roma Metropolitane per il mese di novembre. E’ quanto emerso nel corso di una riunione congiunta delle commissioni capitoline Mobilità e Bilancio. “Si tratta di interessi non pagati- hanno spiegato i tecnici comunali- fatto sta che in attesa di un giudizio con Metrofil è stato emanato un decreto ingiuntivo che ha portato al pignoramento dei conti di Roma Metropolitane. Questo potrebbe mettere a rischio il pagamento degli stipendi di novembre”.

– INDIVIDUATO E DENUNCIATO ‘GECO’, IL NOTO WRITER ROMANO

E’ stato individuato e denunciato dopo una complessa indagine Lorenzo Perris, in arte Geco, uno dei writer più misteriosi e ricercati d’Europa per i suoi innumerevoli graffiti, molti dei quali considerati veri e propri atti vandalici. L’uomo, noto soprattutto a Roma e in Portogallo, è stato individuato a San Lorenzo. Durante la perquisizione della sua abitazione sono state sequestrate centinaia di bombolette spray, migliaia di adesivi, funi, estintori, corde, lucchetti, sei telefoni cellulari, computer, pennelli, rulli e secchi di vernice. Geco ha imbrattato centinaia di muri e palazzi a Roma e in altre città europee. Rischia una multa salatissima per danni milionari.

– BLITZ CONTRO CLAN PARTENIO, 14 ARRESTI TRA AVELLINO E ROMA

Circa 150 militari dei Comandi provinciali dei Carabinieri di Avellino e della Guardia di finanza di Napoli, coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia e antiterrorismo partenopea, hanno eseguito, tra le province di Avellino e Roma, 14 misure coercitive e il sequestro preventivo finalizzato alla confisca di beni del valore di circa 4 milioni di euro, nei confronti di un’organizzazione criminale composta da membri di spicco del ‘nuovo clan Partenio’, imprenditori e professionisti. L’operazione è stata denominata ‘Aste ok’.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

9 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»