Kamala Harris. Perché tanta felicità di una donna che è una numero 2

C'è forse da frenare un po' i festeggiamenti per l'elezione di una vicaria
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Rimbalza urbi et orbi il suono della vittoria, anzi del riscatto e della rivincita sui media. Tante, così pare, le vittorie in una sola. Kamala Harris, la nuova vice Presidente degli Stati Uniti d’America, è infatti “mulatta”, come titola con spregio, utilizzando un vocabolo gergale, il quotidiano ‘Libero’. È la prima donna vice, prima donna di colore e prima donna asiatica, figlia di immigrati. Tanti primati tra cui il più osannato è quello di essere la numero 2 del neo eletto presidente Biden, uomo non di primo pelo, bianchissimo …ma soprattutto uomo.

Perché essere felici di trionfare ancora una volta come vicarie di un maschio è un enigma. Perché vederci il riscatto di una generazione ‘colored’ , vessata nell’America delle libertà, sembra essere un po’ un’ingenuità che speriamo possa essere smentita dal nuovo corso. Se siamo con i Black Lives Matter oggi, dopo un mandato Trump ma quasi 10 anni di Obama che forse di appeal popolare ne aveva ben più di Biden, c’è da calmierare un po’ i festeggiamenti. Siamo invece pronte per quando Kamala sarà Presidente, allora si che apriremo le danze.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»