Tar della Campania respinge ricorso contro la chiusura delle scuole

Il Tribunale amministrativo regionale ha tenuto conto dell'aumento dei casi di positività al Covid in ambito scolastico e l'esigenza di "consolidare i risultati di contenimento della pandemia finora conseguiti"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – Con tre decreti appena pubblicati il Tar della Campania ha respinto le richieste di sospensione dell’ordinanza 89 con la quale il presidente della Regione Vincenzo De Luca ha disposto la chiusura di tutte le scuole (comprese le quelle dell’infanzia) fino al 14 novembre. Si prosegue, quindi, con la didattica a distanza. Il Tar ha ritenuto di considerare “prevalente” l’interesse pubblico “al contenimento della diffusione del virus, funzionale a garantire il diritto alla salute di tutti”. “I ricorrenti – scrive il presidente della V sezione – hanno fondato la propria richiesta richiamando il Dpcm 4 novembre che (…) ha comunque fatta salva la didattica in presenza per la scuola dell’infanzia e il primo ciclo di istruzione, finanche per le Regioni attualmente classificate in zona “rossa”, tra le quali non è, allo stato, compresa la Campania”. Ma il Tar ricorda che il Dpcm “non esclude la persistente possibilità, per le autorità sanitarie regionali e locali, di adottare misure più restrittive in presenza di situazioni sopravvenute (non considerate nel Dpcm) o da specificita’ locali. L’ordinanza numero 89 trova fondamento anche alla luce “dell’effetto moltiplicatore” generato dai contagi connessi a positività nelle fasce in età scolare e tenuto conto della peculiare densità abitativa del territorio regionale e del deficit di personale sanitario in servizio attivo. Si rileva, inoltre, un aumento dei casi di positività al Covid in ambito scolastico e l’esigenza di “consolidare i risultati di contenimento della pandemia finora conseguiti”. Camera di consiglio fissata in data 4 dicembre per la trattazione collegiale.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»