Violenza donne, ‘È un’impresa dire no’: il 10 novembre il convegno sul progetto della Coop E.V.A.

Alla tavola rotonda virtuale, in diretta sulla pagina Facebook dell'Agenzia Dire, anche la ministra Bonetti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

è un'impresa dire noROMA – A otto anni dalla sua nascita ‘Le ghiottonerie di Casa Lorena’, il laboratorio che a Casal di Principe realizza catering e confetture per sostenere l’autonomia economica e l’inserimento lavorativo delle donne in uscita dalla violenza, è ormai una buona prassi da prendere a modello e replicare al livello nazionale. Ideato e costruito nel 2012 a partire da una sperimentazione della Cooperativa sociale E.V.A. – che in Campania gestisce cinque centri antiviolenza e tre case rifugio – grazie al supporto di una linea di finanziamento del Dipartimento Pari Opportunità il laboratorio è stato oggi implementato nell’ambito del progetto ‘È un’impresa dire no alla violenza’, la cui esperienza sarà al centro di un convegno che martedì 10 novembre dalle ore 9.30 verrà trasmesso in diretta sulla pagina Facebook dell’Agenzia di stampa Dire.

“Faremo il punto su come ‘l’approccio alla capacitazione‘ risulta particolarmente efficace per rimuovere gli ostacoli alla realizzazione individuale delle donne più deprivate, maggiormente colpite dalla povertà e dall’esclusione sociale”, dichiara alla Dire Lella Palladino, sociologa e attivista della Cooperativa E.V.A., già presidente della rete nazionale dei centri antiviolenza D.i.Re, che nel corso della diretta racconterà come si è ampliato il progetto a partire dalla nuova linea produttiva messa in piedi grazie ai finanziamenti del Dpo. “La nostra proposta di modellizare la metodologia adottata a Casa Lorena- spiega- è stata realizzata da una ricerca dell’associazione Le Nove che sarà presentata nel corso dei lavori”.

CHI PARTECIPA ALLA TAVOLA ROTONDA

A discutere di questi temi alla tavola rotonda virtuale del 10 novembre saranno: la ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti; la presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio, Valeria Valente; la responsabile per le Politiche di Genere della Cgil, Susanna Camusso; la deputata, già presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini; direttore centrale Area statistiche sociali e demografiche, Linda Laura Sabbadini; la ricercatrice dell’associazione Le Nove, Maria Grazia Ruggerini; e la direttrice dei programmi Italia-Europa di Save The Children, Raffaella Milano.

Racconteranno le esperienze d’impresa per le donne generate dai centri antiviolenza: Daniela Santarpia, della Cooperativa E.V.A.; Francesca Innocenti, del Centro Donna Lilith di Latina; Stefania Campisi, dell’associazione Le Onde Onlus di Palermo; Oria Gargano, della Cooperativa sociale BeFree; Alessia Garonfalo, dell’associazione Risorse Donna di Atina; ed Elisa Ercoli, di Differenza Donna Ong. A introdurre e moderare l’incontro sarà Silvia Mari, giornalista dell’Agenzia di stampa Dire e responsabile del canale tematico DireDonne.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»