Ferrara, lettera di minacce al sindaco Alan Fabbri firmata dalle ‘Nuove Brigate Rosse’

Il presidente della Regione Bonaccini: "Le istituzioni fanno fronte comune contro chi lancia minacce del tutto inaccettabili"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Una lettera “con pesanti minacce” e’ arrivata questa mattina alla segreteria del sindaco di Ferrara Alan Fabbri, indirizzata al primo cittadino. Il testo, informa un comunicato del Comune di Ferrara, porta come firma “Le nuove ‘Brigate rosse'”, con “simbolo in intestazione, e contiene richieste rivolte al Governo, minacciando attacchi”.

Del fatto e’ stata immediatamente informata la Questura, ora in possesso della lettera. “Verifiche sono in corso rispetto agli elementi emersi e citati”, precisa il Comune.

Il sindaco di Ferrara Alan Fabbri, questo pomeriggio, intervenuto in Consiglio comunale dopo la solidarieta’ espressa dal capogruppo Pd Francesco Colaiacovo, ha detto: “Nella lettera che ho ricevuto oggi, firmata ‘Le nuove Brigate Rosse’, compaiono pesanti minacce, non rivolte specificamente contro la mia persona, ma contro la nostra comunita’, sia come Ferrara che come Paese. Mi dicono che altre lettere analoghe sono arrivate anche ad altri sindaci. Ho ritenuto di segnalare immediatamente la cosa alla Questura per le verifiche del caso”.

BONACCINI: REGIONE CON FABBRI, MINACCE INACCETTABILI

“Al sindaco di Ferrara, Alan Fabbri, piena solidarieta’ da parte mia, dalla Giunta e da tutta la Regione Emilia-Romagna. Ancor di piu’ di fronte a simili episodi, le istituzioni fanno fronte comune contro chi lancia minacce del tutto inaccettabili. Spettera’ agli inquirenti valutarne la natura e trovare i responsabili, ma il sindaco di Ferrara sa che puo’ contare sulla mia e sulla nostra vicinanza, e quella della comunita’ regionale”. E’ quanto afferma il presidente Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna, commentando la lettera di minacce ricevuta quest’oggi dal sindaco di Ferrara a firma ‘Nuove Brigate Rosse’.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»