Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dl fiscale, Boschi: “Escludere stalking da reati estinguibili con condotta riparatoria”

Presentato a nome del Governo un emendamento per escludere il reato di stalking da quelli estinguibili anche tramite il risarcimento alle vittime
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA –  “Ho presentato emendamento per escludere stalking da novero reati estinguibili con condotta riparatoria. La liberta’ prima di tutto. #avanti”. Lo scrive su twitter la sottosegretaria alla presidenza del consiglio Maria Elena Boschi.

Su facebook aggiunge: “Questa mattina ho presentato a nome del Governo un emendamento per escludere il reato di stalking dal novero dei reati estinguibili con condotta riparatoria, vale a dire quei reati estinguibili anche tramite il risarcimento alle vittime. Noi siamo convinti che lo stalking non possa essere considerato alla stregua di altri reati. Non e’ un reato come un altro per tutte quelle donne che ogni giorno hanno paura di uscire di casa e la cui dignita’ e’ stata lesa in profondita’ per il resto della vita. Non lo e’ per tutte quelle vittime che hanno il terrore di controllare il telefono, di portare i propri figli a scuola, di andare al lavoro e di tornare a casa da sole la sera, pagando ogni giorno le conseguenze dei traumi subiti. In un Paese libero la liberta’ personale viene prima di tutto. Compito dello Stato e’ garantire questo diritto a tutte”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»