NEWS:

Sigot: “Contro Pronto soccorso intasati, intervenire sul numero dei posti letto in ospedale”

“Il problema dell’appropriatezza clinica di ricorso all’ospedale da parte degli anziani non è in entrata, ma in uscita: i reparti faticano a dimettere pazienti stabilizzati che necessitano ancora di assistenza qualificata, perché il territorio non è ancora attrezzato per accoglierli” sottolinea il Presidente SIGOT Lorenzo Palleschi

Pubblicato:09-10-2023 18:52
Ultimo aggiornamento:09-10-2023 18:52
Autore:

Lorenzo Palleschi
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – Nonostante il vecchio decreto 70/2015 ne preveda almeno 3.7 per 1000 abitanti, continua imperterrita nel nostro Paese la diminuzione dei posti letti ospedalieri, che nel 2020 a stento raggiungevano il valore di 3.2 per 1000 abitanti, tra i più bassi in Europa, di cui solo 0.05 ogni 1000 abitanti di Geriatria. Tutto questo mentre continua ad aumentare, in termini assoluti, il numero di anziani.


AUMENTANO GLI ANZIANI, SSN A RISCHIO STRESS

“In Italia negli ultimi anni si è verificato, per effetto del Covid, un incremento della mortalità degli anziani, segno che quando il sistema sanitario nazionale è sotto stress, gli esiti di salute dei cittadini peggiorano. Ma, per adesso, il numero di anziani continua a salire, al ritmo di circa 150mila ultrasessantacinquenni in più ogni anno (dati Istat). Più anziani significa più anziani malati, che hanno bisogno del sistema sanitario pubblico anche e soprattutto in condizioni di emergenza-urgenza”, ha sottolineato il Direttore Scientifico Sigot Filippo Fimognari durante i lavori del 37° congresso nazionale Sigot che si è tenuto a Catanzaro dal 4 al 6 ottobre 2023.

Filippo Fimognari


“È proprio il combinato disposto di anziani in crescita e diminuzione dei posti letto ospedalieri il motivo ovvio del dramma dell’affollamento del Pronto Soccorso. Affollamento che, si badi bene, non è dovuto ai giovani con patologie non gravi (che rapidamente vengono inviati al domicilio), ma allo stazionamento in Pronto Soccorso di un crescente numero di anziani con patologie gravi, già arruolati per il ricovero ospedaliero, ma che rimangono lì per giorni dato che i posti letti nei reparti sono pochi. Un recente studio nazionale condotto su più di 20 milioni di accessi ha infatti dimostrato che i ricoveri degli anziani sono più clinicamente giustificati di quelli dei giovani, poiché vengono disposti dal medico di Pronto Soccorso quasi sempre in condizioni di vera emergenza-urgenza, com’ è ovvio attendersi per organismi già indeboliti dalle molte malattie croniche di base”.




LA PROPOSTA DEI GERIATRI OSPEDALIERI

“Il problema dell’appropriatezza clinica di ricorso all’ospedale da parte degli anziani- ha affermato il Presidente Sigot Lorenzo Palleschi- non è quindi in entrata, ma in uscita: i reparti fanno fatica a dimettere pazienti ormai stabilizzati ma che ancora necessitano di assistenza qualificata, perché il territorio non è ancora attrezzato per accoglierli. Non basta quindi il potenziamento delle cure territoriali, oggi aiutato dai fondi del PNRR, ma occorre aumentare il numero di posti letto negli ospedali, soprattutto nei reparti di Geriatria, anche eventualmente convertendo altre risorse ospedaliere. I reparti ospedalieri di Geriatria, infatti, lavorano secondo un modello assistenziale che, come dimostrato da molteplici studi internazionali, migliora gli esiti di salute degli anziani facilitandone il ritorno e la permanenza a domicilio. Ed è il caso di sottolineare- ha continuato Palleschi- che la forza statistica di queste evidenze scientifiche è uguale a quella che ha promosso la diffusione delle Stroke Units per l’ictus cerebrale, mentre la diffusione delle Geriatrie ospedaliere non è stata paragonabile. Prima che sia troppo tardi le istituzioni sanitarie centrali rimuovano le condizioni a tutti note – de finanziamento del sistema sanitario pubblico, restrizioni normative nelle assunzioni – che di fatto impediscono alle aziende sanitarie di aumentare i posti letto in ospedale, mettendo a rischio la salute dei cittadini e la serenità organizzativa degli operatori sanitari, nella vana illusione che il potenziamento del territorio sia sufficiente a far fronte alla crescente domanda di salute di una popolazione che invecchia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy