Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

No Green Pass, il manifestante: “De Donno ucciso come Falcone e Borsellino”

Lo urla nel megafono il manifestante no vax, in faccia ai poliziotti che non gli permettono di andare oltre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Giuseppe De Donno, l’ex primario di pneumologia e padre della terapia anti Covid con il plasma iperimmune, “ucciso dallo Stato, come hanno fatto con Falcone e Borsellino”. Lo urla nel megafono il manifestante no vax, in faccia ai poliziotti che non gli permettono di andare oltre per continuare la sua protesta sotto Palazzo Chigi. Ce l’ha con Mario Draghi, reo di aver imposto dal 15 ottobre il green pass su tutti i luoghi di lavoro, e indossa una maglietta con l’immagine dei due giudici siciliani. Da lì il paragone viene facile. 

“Curava il covid- ricorda il manifestante strappando l’applauso del corteo- costava molto ma funzionava. I media hanno detto che si è impiccato, ma secondo voi un dottore salva vite umane e si impicca? E’ pazzo? Dite la verità, cosa avete fatto a De Donno?“.

“L’hanno ucciso, l’hanno ammazzato”, replica qualcun altro. Lo certifica ancora il manifestante, sentenziando al megafono: “Gli avete fatto fare la stessa fine di quelli che ho sulla maglietta”, conclude mostrando Falcone e Borsellino su una maglia nera accompagnata da un tricolore.

LEGGI ANCHE: No Green Pass, guerriglia a Roma: cariche della polizia, Forza Nuova assalta sede Cgil

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»