Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Embraco, la promessa di Damilano agli operai: “Vi ricolloco tutti entro giugno 2022”

La promessa vale a prescindere dalla sua elezione a primo cittadino grazie alle "mie relazioni con gli amici imprenditori"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Chiara Barison

TORINO – “Io vi do la garanzia che riuscirò a ricollocarvi entro giugno 2022”. Lo ha promesso il candidato sindaco di Torino del centrodestra Paolo Damilano al presidio del lavoratori Embraco in piazza Castello. La promessa vale a prescindere dalla sua elezione a primo cittadino grazie alle “mie relazioni con gli amici imprenditori”.

Dopo aver firmato il documento in cui si impegna a tutelare i lavoratori Embraco, Damilano ha attaccato le scelte del Governo Gentiloni- e quindi dell’allora ministro dello sviluppo economico Carlo Calenda che all’epoca si occupò della vicenda- per essere stato “superficiale nel dare soldi a persone inaffidabili”.

Dopo una stretta di mano con Damilano, prima di sottoscrivere anche lui il documento di impegni sottoposto ai candidati dai lavoratori Embraco, il concorrente del centrosinistra Stefano Lo Russo ha accolto l’impegno dell’imprenditore candidato con il centrodestra dicendo che in caso di sua elezione “lo aiuterò io” a mantenere la promessa.

LEGGI ANCHE: Comunali Torino, tensione tra il candidato di centrodestra Damilano e l’operaio Embraco

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»