Sindaco di Eboli arrestato per corruzione, era appena stato rieletto con l’80% dei voti

Per Massimo Cariello, che oltre ad essere primo cittadino del comune nel Salernitano è anche assessore all'Urbanistica, è scattata la misura degli arresti domiciliari
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – Corruzione per atto contrario ai doveri d’ufficio, abuso di ufficio, rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio e falsità ideologica in certificati commessa da persone esercenti un servizio di pubblica necessità. Sono questi i reati contestati, a vario titolo, al sindaco di Eboli (Salerno), Massimo Cariello, e ad altri quattro indagati dai militari del comando provinciale della guardia di finanza di Salerno che hanno dato esecuzione ad un’ordinanza emessa dal gip del Tribunale di Salerno, su richiesta della Procura della Repubblica di Salerno.

Cariello è stato rieletto sindaco di Eboli nella tornata elettorale del 20 e 21 settembre 2020, con l’80,81% dei voti. Ad appoggiarlo sei liste civiche. Le indagini delle fiamme gialle hanno permesso di ricostruire, spiega una nota dell’Arma, “una serie di episodi corruttivi nei Comuni di Eboli e Cava de’ Tirreni. In particolare, le persone indagate, in cambio di favori di varia natura, hanno condizionato l’esito di concorsi pubblici indetti dai due Enti locali”

Per Cariello, che oltre ad essere primo cittadino è anche assessore all’Urbanistica, è scattata la misura degli arresti domiciliari. Interdizione temporanea dai pubblici uffici, per un periodo di 12 mesi, invece, per Giuseppe Barrella, responsabile dell’Area P.O. Urbanistica-Edilizia Ambiente del Comune di Eboli; Francesco Sorrentino, direttore del I Settore “Area Amministrativa” del Comune di Cava de’ Tirreni, nonché componente della commissione del concorso pubblico per esami per il reclutamento di 10 unità di istruttore direttivo amministrativo indetto dal Comune di Cava de’ Tirreni e Direttore Generale del Consorzio Farmaceutico di Salerno; Annamaria Sasso, presidente della commissione esaminatrice della procedura selettiva per titoli ed esami per la copertura a tempo indeterminato di due posti di educatore di asili nido bandito dal Comune di Eboli; Vincenzo D’Ambrosio, componente della medesima commissione esaminatrice della procedura selettiva per titoli ed esami per la copertura a tempo indeterminato di due posti di educatore di asili nido, bandita sempre dal Comune di Eboli. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»