Liliana Segre: “Contro Willy un branco di non umani che vidi anch’io”

"Io non ho perdonato, non ho questa forza", ha aggiunto la senatrice
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

RONDINE (AR) – “Lo abbiamo visto anche di recente, branchi di uomini sfrontati che in gruppo si lanciano contro uno solo perche’ diverso. Poi presi da soli chiedono di stare in isolamento perche’ hanno paura degli altri prigionieri”. Cosi’ Liliana Segre nel corso del suo ultimo discorso pubblico rivolto agli studenti, sembra riferirsi al caso di Willy.

“Ho incontrato alcuni che avevano la sicurezza di essere di una razza superiore. Una razza umana? No, non erano umani. Io non ho perdonato, non ho questa forza”, conclude Segre.

LEGGI ANCHE: L’ultima volta di Liliana Segre davanti agli studenti, a Rondine: “Che emozione”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»