Coronavirus, Ricciardi: “Seconda ondata più pericolosa, in Campania e Lazio ospedali quasi pieni”

"Non voglio colpevolizzare le Regioni ma bisogna lavorare tutti insieme" dichiara Walter Ricciardi, membro del comitato esecutivo dell'Oms e consulente del ministro della Salute
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “È stato sottovalutato il fatto storico che tutte le pandemie hanno una seconda ondata più pericolosa della prima”. Lo dice Walter Ricciardi, membro del comitato esecutivo dell’Oms e consulente del ministro della Salute, in un’intervista a Skytg24. “Non voglio colpevolizzare le Regioni, so che alcuni presidenti si sono risentiti per le mie dichiarazioni – premette Ricciardi – ma voglio sottolineare che di fronte a una pandemia da virus respiratorio bisogna lavorare tutti insieme e basare le decisioni sull’evidenza scientifica. Nel momento in cui si ignora il messaggio che bisogna approfittare dei mesi estivi per prepararsi, allora si sbaglia”, ha aggiunto ancora l’esperto.

RICCIARDI: “IN CAMPANIA E LAZIO OSPEDALI COVID QUASI PIENI”

“Non possiamo pensare che il virus non giri, – aggiunge Ricciardi – questo è un virus insidiosissimo che sta di nuovo riempiendo gli ospedali. Non siamo al collasso no, ma siamo in una situazione di grandissima pressione”. 

“Gli ospedali Covid in Campania e Lazio – aggiunge Ricciardi – sono quasi pieni e mi preoccupano molto non tanto le terapie intensive, di cui si parla, ma le terapie subintensive perché ci sono i pazienti infettivi che devono essere curati in un certo modo e i posti si stanno saturando già adesso. Figuriamoci quando arriverà l’influenza cosa succederà”, ha detto. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»