Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Def, salta l’assegno unico per i figli. Ora si parla solo di contributi asilo

Al Senato è stata depositata la risoluzione di maggioranza alla Nota di aggiornamento al Def: dell'assegno unico per i figli non c'è più traccia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La risoluzione di maggioranza alla Nota di aggiornamento al Def, depositata in Senato, nella parte che riguarda il welfare, impegna il governo “all’implementazione di interventi in favore delle famiglie, con particolare riguardo all’azzeramento delle rette per gli asili nido per i redditi medi e bassi“.

Salta quindi, rispetto alle indiscrezioni circolate, il riferimento esplicito all’assegno unico per i figli da destinare alle famiglie.

LEGGI ANCHE Nel Dl Crescita emendamenti per assegno alle famiglie e detrazioni per pannolini

MISIANI: ASSEGNO UNICO PER FIGLI OBIETTIVO, NON IN QUESTA MANOVRA

“Le politiche per il sostegno alle responsabilità familiari rappresentano una strategia di lungo respiro che vogliamo ampliare con più strumenti. Abbiamo vari bonus, ma non un assegno unico a sostegno dei figli come in Germania, Francia, Gran Bretagna. Il riordino di questi strumenti è un obiettivo di medio periodo perché è un tema di grande complessità: non riusciremo a affrontarlo in questa legge di bilancio”. Cosi’ il vice ministro dell’Economia, Antonio Misiani, intervenendo in aula al Senato in sede di replica dopo la discussione generale.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»