Giornale radio sociale, edizione del 9 ottobre 2019

Giornale radio a cura di http://www.giornaleradiosociale.it/
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

​DIRITTI – Svolta umanitaria. Il Tavolo Asilo nazionale si rivolge direttamente al governo affinché faccia chiarezza sui rapporti tra l’Italia e le milizie libiche. La pluralità di associazioni che aderiscono al progetto chiedono anche il ripristino di un programma di ricerca e salvataggio, consentendo allo stesso tempo alle ong di riprendere le operazioni in mare.

ECONOMIA – Economia migrante. Ecco quanto contribuiscono gli immigrati al nostro Pil con il loro lavoro. Il servizio è di Giuseppe Manzo. 

SOCIETA’ – Dietro la lavagna. Non lasciano i banchi ma smettono di imparare. Sono loro le vittime di quella che l’Invalsi chiama “dispersione scolastica implicita”, che porta ad “un’alta probabilità di emarginazione sociale”. E sono tantissime. Al Nord sono meno del 4% mentre la media del Sud è quasi il doppio.

INTERNAZIONALE – Terra nostra. Si è aperto il Sinodo dei vescovi per l’Amazzonia, che ha, tra i suoi scopi, anche il tentativo di dare risposte alle situazioni di ingiustizia della regione. Dove la guerra di conquista in atto si ripercuote sulle vite dei popoli che la abitano e sui cambiamenti climatici globali. Ai nostri microfoni Marina Forti, giornalista e scrittrice di ritorno dal delta del Rio delle Amazzoni. 

CULTURA – Festival del giornalismo libero. Al via oggi la prima edizione dell’iniziativa su “Informazione bene comune, garanzia di libertà e di democrazia” presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università La Sapienza di Roma. La kermesse si concluderà domani ed è organizzata dalla Rete No Bavaglio insieme agli studenti dell’Udu.

SPORT – La squadra dei diritti civili. Gay e etero giocheranno insieme contro l’omofobia e i pregiudizi. È la squadra di calcio a 5 Arcigay Bergamo Cives che porterà la lotta alle discriminazioni attraverso lo sport sui campi del torneo CSI cittadino.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

9 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»