Lavoro, 103 mila assunzioni in 3 mesi: in Emilia-Romagna è caccia a esperti informatici e di marketing

Grande fermento in Emilia-Romagna, una su 4 delle 103.000 assunzioni in vista sarà nel manifatturiero. Ad andare per la maggiore sono profili professionali non tradizionali
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Tra settembre e novembre le imprese dell’Emilia-Romagna prevedono 103.000 assunzioni, 25.000 nel manifatturiero. Secondo l’indagine Excelsior (Unioncamere-Anpal) il 36% dei profili è considerato di difficile reperimento, il 22% per mancanza di candidati, il 14% per preparazione inadeguata. I numeri rivelano la crescita delle ricerche di profili professionali non tradizionali, alcuni assolutamente inediti come l’esperto di ‘fog computing’ o di ‘growth haking’. Ovvero informatici capaci di archiviare i dati digitali con le modalità più innovative e consulenti in grado di far decollare un prodotto nel minor tempo possibile trovando i canali di marketing giusti. Per lo più si tratta di profili nel campo delle nuove tecnologie e dell’informatica (dalla realtà virtuale all’intelligenza artificiale, passando per big data e meccatronica).

LEGGI ANCHE A Bologna aziende cercano 21.600 tecnici da assumere, ma non si trovano

“Il 65% degli studenti svolgerà un lavoro che non è ancora stato inventato”, ricorda Unioncamere. “Tra vecchie e nuove professioni nel 2019 l’occupazione in Emilia-Romagna crescerà del 2%”, conferma il vicesegretario generale Guido Caselli. Nel frattempo la disoccupazione scenderà al 5,6%, con una previsione del 5,3% per il 2020. Se si guarda anche alle nuove attività imprenditoriali, “alcune non sono classificabili in base alle categorie dei manuali camerali”, ammette. Il rallentamento dell’economia regionale, però, potrebbe avere delle ricadute sul mercato del lavoro.

L’indagine di Confindustria su 428 imprese rileva per il secondo semestre dell’anno segnali di artretramento, con il 71,5% degli imprenditori che si aspetta stazionarietà e un saldo tra ottimisti e pessimisti in calo.

LEGGI ANCHE A Bologna Its Maker forma i futuri guru della fabbrica 4.0

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»