A Palazzo Ardinghelli nascerà il ‘Maxxi L’Aquila’

E' una realtà che "aiuterà il Centro storico a rinascere", commenta il ministro Franceschini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un museo di arte contemporanea a Palazzo Ardinghelli, nel cuore de L’Aquila, gestito dal Maxxi di Roma. Nasce così ‘Maxxi L’Aquila’, una realtà che “aiuterà il Centro storico a rinascere”. Ad annunciarlo, il ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Dario Franceschini, in occasione della presentazione della Giornata del Contemporaneo che si terrà domani in tutta Italia.

palazzo ardinghelli

“A L’Aquila- ha detto- c’e’ un finanziamento di circa un milione e mezzo per completare il restauro di Palazzo Ardinghelli che e’ stato restaurato con un contributo della Russia. All’origine doveva diventare sede degli uffici del ministero, invece abbiamo valutato che diventera’ un museo di arte contemporanea, la cui collezione verra’ costruita attraverso donazioni. Visto che il luogo non e’ grande dovranno essere donazioni importanti, quindi piu’ la qualita’ che la quantita’. E che, stiamo ragionando, potra’ essere gestito dal Maxxi e sara’ Maxxi L’Aquila”. Una realtà culturale dedicata all’arte contemporanea che diventerà un “contributo per la rinascita del Centro storico. Ci rivolgeremo agli artisti e alle istituzioni chiedendo loro di donare un’opera per il nuovo museo”.

di Nicoletta Di Placido

Giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»