Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Roma la mostra ‘Oltre Dafne fermare Apollo’ promossa dall’Unione Donne Italiane

mostra oltre dafne
All'ex Complesso del Buon Pastore in via della Penitenza 37 l'esposizione per raccontare la storia del fenomeno della violenza sulle donne
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La violenza contro le donne è antica quanto il mondo ma nessuno pensa mai di raccontarla perché molti non la riconoscono e molti pensano che sia ‘naturale e conveniente’. Al contrario è un sistema di potere che si tramanda nei secoli e che rimane pervasivo anche nella nostra epoca ma che dobbiamo prevenire e fermare. L’idea della mostra prende spunto dal mito di Apollo e Dafne dove la bellissima ninfa per sfuggire ad Apollo che vuole possederla chiede aiuto ai genitori e viene trasformata in un albero di alloro. Perché bloccare Dafne e non fermare Apollo che la insidiava? La mancanza del consenso di Dafne dovrebbe indurre gli uomini a capire che non possono esercitare nessun potere e nessuna violenza sulle donne”. È l’Unione Donne italiane, riprendendo questa figura iconica della mitologia, a presentare la mostra che domani, alle 10, apre i battenti all’ex Complesso del Buon Pastore in via della Penitenza 37 a Roma. Il progetto è in partenariato con Pangea.


Parteciperanno alla presentazione Vittoria Tola, Segreteria Nazionale Udi; Valeria Valente, presidente Commissione Femminicidio Senato, Simona Lanzoni, Vice presidente Fondazione Pangea Onlus, Sabrina Alfonsi, presidente I Municipio Roma. La mostraOltre Dafne fermare Apollo‘ è articolata attraverso un percorso espositivo che racconta la storia del fenomeno della violenza in Italia e utilizza diversi strumenti comunicativi a cominciare dai manifesti dell’Udi per veicolare messaggi politici innovativi e capaci di arrivare a tutte/i.

mostra oltre dafne


Una linea del tempo accompagna i visitatori e mostra date sia storiche che legislative, nazionali e internazionali, oltre che avvenimenti che hanno modificato la società e la cultura.
Testo e immagini (manifesti e fotografie) raccontano i cambiamenti dal dopoguerra a oggi, grazie all’azione politica delle donne dell’Udi. Il tutto – riporta la nota stampa – è corredato di QR Code, (accessibile tramite l’app Oltre Dafne gratuitamente scaricabile sui propri devices) dove poter accedere ad approfondimenti testuali e visuali.

La mostra è aperta da lunedì a sabato dalle 10.00 alle 18.00 e domenica dalle 10.00 alle 14.00. Per accedere alla mostra è obbligatorio esibire il green pass come da normativa. È preferibile la prenotazione scrivendo alla seguente mail: [email protected]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»