Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’appello di Nardella: “Troppe auto a Firenze, usate le bicilette”

INQUINAMENTO SMOG TRAFFICO MILANO
Il sindaco chiede alla cittadinanza di avere maggiore fiducia nei mezzi pubblici "altrimenti il traffico urbano si congestionerà con la riapertura delle scuole"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – Usare di più la bicicletta e avere più fiducia sul trasporto pubblico. L’appello lo lancia il sindaco di Firenze, Dario Nardella. Lo fa durante un sopralluogo organizzato all’Istituto superiore ‘Ernesto Balducci’ di Pontassieve, in qualità di vertice della Città metropolitana.

Finita l’estate e con la città che riparte, guardando i dati del traffico urbano ed extraurbano sono cominciati i grattacapi. Timori che si addensano soprattutto in vista della riapertura dell’anno scolastico. Perché uno degli effetti che si sta portando dietro il Covid è un uso più accentuato del mezzo privato, percepito sicuro. Ma così c’è il rischio di mandare il tilt la rete stradale.

“C’è molta diffidenza verso il mezzo pubblico“, spiega Nardella, e “si registra traffico in tutta l’area metropolitana. Così, “approfittando del bel tempo”, l’invito è a “utilizzare il più possibile mezzi come le biciclette, ecologici” e, sul fronte pandemico, “sicuri. Evitare quindi, laddove possibile, l’utilizzo dell’automobile e abbiate più fiducia nei mezzi pubblici, che sono completamente sanificati”.

Altrimenti, spiega, con l’avvio delle scuole “rischiamo un congestionamento non solo dell’area urbana fiorentina, ma anche di tutta quella extraurbana”. Per questo “dobbiamo fare tutti un grande sforzo” per non affrontare “una stagione molto complicata” sulle strade.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»