Referendum, Magi: “Taglio dei parlamentari non è una riforma, ma una fregatura per i cittadini”

Per Riccardo Magi, deputato di Piu' Europa Radicali, la riforma costituzionale "è un'illusione per provare ad avere un consenso facile".
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Il taglio dei parlamentari non è una riforma costituzionale, è una fregatura per i cittadini“. Cosi’ Riccardo Magi, deputato di Piu’ Europa Radicali, membro della commissione Affari costituzionali, in vista del voto referendario.

Interpellato dalla ‘Dire’ il parlamentare osserva la riduzione dei deputati e senatori “non tocca nessuno dei problemi del nostro sistema istituzionale, oggi non c’è un problema di funzionamento delle istituzioni per un numero eccessivo di parlamentari, semmai il problema è dare al Parlamento tempi adeguati per esaminare alcuni atti importanti e di ridare i poteri e prerogative di controllo e indirizzo al governo“.

Insomma la riforma costituzionale “è un’illusione per provare ad avere un consenso facile, utilizzando lo strumento del risparmio dei costi, che si potrebbe ottenere in mille altri modi più efficaci, senza- sottolinea Magi- toccare la rappresentanza dei cittadini”.

Quindi, l’appello: “I cittadini dovrebbero aprire gli occhi e dire no a una riforma voluta dalla maggior parte dei partiti e che colpisce in realtà la possibilità di avere più potere da parte dei cittadini, dire no contro i capi partito e per una sovranità popolare più forte”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»