VIDEO | Rifiuti, a Reggio Calabria riavviati i lavori della discarica di Melicuccà

"L'obiettivo è completarli entro il prossimo autunno", dichiara alla Dire il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà nell'assemblea dei sindaci convocati per fare il punto sull'emergenza rifiuti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “Dopo 10 anni di chiusura e sequestro, finalmente da 10 giorni sono stati riavviati i lavori della discarica di Melicuccà, grazie alla delega che abbiamo chiesto e ottenuto dalla Regione Calabria e all’osservanza delle sette prescrizioni. L’obiettivo è di completarli entro il prossimo autunno tra ottobre e novembre”. Così alla Dire il sindaco metropolitano di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà impegnato oggi nell’assemblea dei sindaci convocati per fare il punto sull’emergenza rifiuti.
“Il campanello d’allarme resta accesso – ha aggiunto – perché siamo sempre in una situazione di provvisorietà. Quotidianamente cerchiamo di strappare la possibilità di conferire negli impianti di trattamento anche una tonnellata in più, per consentire di liberare le nostre strade nel minor tempo possibile”. “Tuttavia sarà possibile e definitivo – ha concluso Falcomatà – soltanto con l‘apertura di Melicuccà che renderà l’area metropolitana definitivamente e totalmente autonoma dalla Regione perché sarà un discarica ad uso esclusivo dei nostri 97 Comuni”.
LEGGI ANCHE: VIDEO | Emergenza rifiuti a Reggio Calabria, la protesta dei sindaci

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»