Vaccino Astrazeneca sospeso, Crisanti: “È normale, ci vuole più tempo”

"Non è uno stop ma una fase di valutazione, è fisiologico", dice il virologo Andrea Crisanti. "Lo sviluppo di un vaccino dura circa 5 anni".
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “La battuta di arresto del vaccino AstraZeneca di Oxford è fisiologica e normale, non è uno stop ma una fase di valutazione, non è mai stato sviluppato un vaccino in un anno”. Lo ha detto Andrea Crisanti ordinario di microbiologia all’Università di Padova a 24Mattino su Radio 24.

LEGGI ANCHE: AstraZeneca sospende la sperimentazione del vaccino contro il Coronavirus: “Seria reazione avversa”

“Si tratta di un processo lungo e complesso, che coinvolge circa 100mila persone, lo sviluppo di un vaccino dura circa 5 anni. Giustificato fare degli sforzi perché si tratta di una misura che dal punto di vista costi ed efficacia è la più conveniente ma ci vuole tempo”.

A proposito della quarantena ridotta a 7 giorni il professor Crisanti dice: “la maggior parte delle persone si ammala dopo 5/6 giorni dal contatto con la persona infetta, quindi dal punto di vista scientifico ci può stare ma non è a rischio zero, la misura non è sicura al 100%“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»