Botta e risposta tra Toti e Toninelli sugli sfollati di Genova

Il governatore della Liguria e il ministro dei Trasporti si parlano tramite i social
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il presidente Toti si preoccupi di far rientrare in casa gli sfollati per riprendersi gli effetti personali e di dar loro un nuovo alloggio. Non faccia politica su Genova. Autostrade sborserà il danaro, come suo dovere, ma non ricostruirà il ponte che ha fatto crollare”. Lo scrive su twitter Danilo Toninelli, ministro delle Infrastrutture e dei trasporti.

“Caro ministro, a Genova ci sei anche venuto, come fai a dire queste cose? Mi sembra che il ministro Danilo Toninelli dovrebbe preoccuparsi del suo ministero non di quello che facciamo noi in Liguria, anche perché la composizione della commissione del Mit sta diventando complicata, i commissari ruotano più velocemente che in una partita di calcio”. Lo scrive su Facebook Giovanni Toti, presidente della regione Liguria.

“Se Toninelli leggesse le relazioni- aggiunge- saprebbe che stiamo lavorando con tempi mai sperimentati in questo paese. Circa 230 famiglie su 260 hanno già una sistemazione a meno di un mese dal crollo del ponte Morandi. Se le persone non possono rientrare nelle case per recuperare i loro effetti personali è perché le case non sono sicure, quella è area rossa. Stiamo predisponendo un monitoraggio della struttura del ponte, come il ministro sa, o meglio dovrebbe sapere bene”.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»