Cooperazione e Mediterraneo, contro l’estremismo

Un seminario alla Farnesina, ieri, si è interrogata sulla situazione della cooperazione nel Mediterraneo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

seminario_cooperazione

ROMA – “Meno dell’1% dei testi pubblicati in arabo sono tradotti in lingue europee, cominciamo da qui”, dice Elisabeth Lindh, presidente della Fondazione Lindh. Un esempio, ieri alla Farnesina, a un seminario sulla cooperazione nel Mediterraneo, per far capire quanto sia lungo e necessario il cammino da percorrere. Il momento di muoversi è adesso. Lo evidenziano tutti gli interventi all’incontro ‘Redefining Intercultural Dialogue in Time of Crisis: a Mediterranean Perspective’, un’occasione di confronto voluta dall’Istituto affari internazionali (Iai) in collaborazione con la Fondazione Anna Lindh. “Serve un’agenda positiva fondata sull’alleanza con l’Africa e tutte le sponde del Mediterraneo” dice Vincenzo Amendola, sottosegretario agli Affari esteri e alla cooperazione internazionale. E aggiunge: “E’ indispensabile per guardare al futuro e difendere la nostra eredità storica contro le ideologie totalitarie tese a cancellare l’idea stessa dell’intreccio delle culture”. La convinzione di fondo è che “non siamo più il luogo dove si crea la storia ma lo snodo per la connessione di tre continenti“. Amendola cita il Migration Compact, uno strumento dalle implicazioni profonde: “Dobbiamo creare una nuova identità, ristrutturando i nostri bisogni geopolitici e creando un’alleanza con l’Africa, con la quale condividiamo speranze, commerci e risorse”.

Serve una nuova identità, a partire da un confronto che coinvolga i giovani, le donne e le società civili di tutte le sponde del Mediterraneo”, rilancia Pasquale Ferrara, ambasciatore designato d’Italia ad Algeri: “Dobbiamo fondere gli sforzi- dice- a partire dalla consapevolezza che i problemi della regione vanno affrontati insieme con tutti gli internazionali, non solo i governi ma anche le società civili, le ong e i giovani”. Sulla stessa linea Elisabeth Guigou, presidente di un organismo in prima fila nella promozione delle relazioni inter-mediterranee. “Il primo passo- sottolinea l’esperta- è capire che a nord e a sud stiamo affrontando le stesse sfide, a partire dalla disoccupazione dei giovani, il sacrificio di un’intera generazione”. Secondo Guigou, “non è solo Daesh a sfruttare la paura, ma anche i populismi che attraversano l’Europa“. La risposta? “Una nuova capacità di confronto e la riconciliazione tra la mobilità delle persone e la sicurezza”.

Guarda avanti anche Ettore Greco, direttore dell’Istituto affari internazionali. Oggi più mai- ha sottolineato l’esperto- è fondamentale ridefinire le basi del dialogo in modo da superare gli ostacoli emersi negli ultimi anni”. Parte di questo tentativo è New Med, rete di analisti articolata dall’Istituto affari internazionali: “L’impegno- ha detto Greco- è contribuire a uno studio scientifico utile a ripensare e rilanciare la cooperazione regionale attorno al Mediterraneo, un patrimonio condiviso”.

di Vincenzo Giardina, giornalista professionista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»