Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In vacanza sì, ma solo se la meta è instagrammabile

Lago di Braies, Alto Adige
Dal Lago di Braies ai sassi di Matera, passando per Polignano a Mare e il Tempio del Valadier: ecco tutti gli angoli più fotografati d'Italia e le app per scovarli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Non solo occupa gran parte delle nostre giornate con le sue rapide storie e i suoi mirabolanti post, oggi Instagram si impone sulle nostre ferie, o meglio, richiede una certa scenografia per sfruttare al meglio le potenzialità ‘social’ dell’abbronzatura. L’instagrammabilità di un luogo è diventata un dettaglio talmente importante da incidere in maniera significativa sulla scelta della meta per le vacanze, così nascono e proliferano guide “agli spot” in cui farsi foto e selfie, app per riconoscere gli angoli che ci procureranno più like, tour organizzati tenendo conto dei panorami più suggestivi da proporre ai follower.

LE INSTAGRAM OPPORTUNITIES PIÙ FAMOSE D’ITALIA

Nella top ten di tutte le possibili classifiche di instagrammabilità regna sovrano il Lago di Braies, scorcio tra le vette altoatesine. La popolarità della meta boschiva è aumentata in maniera spropositata da quando i social traboccano di foto delle montagne che si specchiano nell’acqua immobile di questo luogo incantato. Nell’elenco dei posti più belli in cui scattare una foto col telefonino c’è poi naturalmente il Ponte dei Sospiri a Venezia, culla di un altro luogo cult per i social addicted: la Libreria Acqua Alta.

Dalla montagna alla città fino al mare nostrano, nei cui panorami mozzafiato trionfano le rocce a picco sull’acqua di Polignano a Mare, in Puglia. E poi ancora: i sassi di Matera, i trulli di Alberobello, il Gianicolo a Roma, il Tempio del Valadier incastonato nella roccia in provincia di Ancona, le terme di Saturnia e la cupola di Giotto in Toscana, e come non menzionare la Valle dei Templi di Agrigento. Attenzione soprattutto alle città dove si può realizzare l’ormai tipica foto tenendo le torri fra le dita, e qui possono aiutare Pisa e Bologna con le sue simboliche Asinelli e Garisenda.

APP, SITI E HASHTAG PER SCOPRIRE GLI SPOT DA PIOGGIA DI LIKE

Se blog, guide online e cartacee non dovessero bastare, esiste un’app dal nome evocativo postinstagrammabili.it, grazie alla quale è possibile raggiungere gli angoli più gettonati per il ritratto perfetto dalle vacanze. Su Instagram spopola poi il profilo bloggeradvisor, che offre consigli e indicazioni raccogliendo le idee di viaggio di influencer. Anche l’app Explorest per iPhone aiuta a rintracciare la cornice ideale per fotografi provetti o aspiranti tali.

IN MANCANZA DELLO SPOT PERFETTO SCATTA LA ‘INSTAGRAM GAG’

Non avete trovato il luogo ideale per il selfie del secolo? Avete già postato tutti gli spot incantevoli d’Italia dal Lago di Braies fino ai sassi di Matera? Niente paura, vi resta la possibilità di fotografarvi in una ‘Instagram posa’. Per conquistare i follower ci sono una serie di mosse strategiche ‘acchiappalike’: dalla già citata moda del ‘catturare’ le torri, fino alla classica immagine di coppia con lei di spalle trattenuta dalla mano di lui nell stile lanciato dal fotografo Murad Osmann. Nell’estate in corso spopola soprattutto il “Dimmi che sei lì senza dirmi che sei lì“, o la coreografia Tik Tok mutuata dalle star del web.

Se avete già visitato tutti gli spot instagrammabili e avete anche già postato le gag più popolari, non vi resta che godervi la vacanza, magari in un angolo incantevole d’Italia che nessuno conosce.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»