L’appello social di Stefano Accorsi: “Mettiamoci la mascherina”

Il popolare attore, su Instagram, cita il presidente Mattarella: "Libertà non è far ammalare gli altri"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “‘Libertà è non far ammalare gli altri’. Questa frase del nostro presidente Sergio Mattarella mi sembra la sintesi più esatta che si potesse fare”. Lo scrive su Instagram l’attore Stefano Accorsi, pubblicando un selfie che lo ritrae di fronte al Duomo di Milano con indosso la mascherina. Accorsi, con una didascalia in calce alla foto, lancia quindi un appello ai suoi follower: “Mettiamocela la mascherina che è meglio”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Mattarella e il monito sulla mascherina: “Libertà non è far ammalare gli altri”

Migliaia di persone hanno apprezzato la sortita su Instagram dell’amatissimo attore, ma, tra i commenti, se ne contano decine che danno ad Accorsi del “servo del regime”, colpevole di rispettare le norme sanitarie di base per prevenire una nuova epidemia di Covid19. L’attore risponde con fermezza punto su punto, fino a replicare alle accuse più surreali con : “Terrapiattista!”, alludendo al movimento di opinione che sostiene che la Terra sia piatta e tra le cui file trovano posto anche complottisti e negazionisti del Coronavirus. 

PLAUSO DI ZINGARETTI

“Bene Stefano Accorsi. Ricordate: continuiamo a rispettare le regole: 1) mascherina; 2) distanza fisica di sicurezza; 3) igiene delle mani e degli ambienti”. Lo scrive su Facebook il segretario del Pd e presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, commentando l’appello a indossare la mascherina lanciato via social dall’attore Stefano Accorsi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»