M5s: “Salvini fuori giri, inventa supercazzole e vaneggia di inciuci con il Pd”

Cosi’ il Movimento Cinque stelle in un post del partito
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Salvini sta andando fuori giri: prima fa cadere il governo inventando supercazzole, poi vaneggia di un inciucio tra il MoVimento 5 Stelle e il Pd. Parliamoci chiaro: qui chi è andato a braccetto con Renzi, Zingaretti, Gentiloni e compagnia cantando è proprio la Lega!”. Cosi’ il Movimento Cinque stelle in un post del partito. “Lega e Pd hanno votato insieme per regalare a Radio Radicale, la Radio finanziata da Soros, qualcosa come 3 milioni di euro – aggiunge M5s- mentre d’amore e d’accordo bloccavano la proposta di garantire minimo 9 euro l’ora a tutti i lavoratori italiani. Hanno formato uno squadrone, un ‘patto di cemento’ per difendere il Tav a suon di voltafaccia: una speculazione che devasta le nostre valli, un’opera inutile che nasce già vecchia – invece di investire nelle zone del Paese dove per muoversi si affrontano solo viaggi della speranza. Per non parlare dei provvedimenti sul conflitto d’interessi: a tutti e due è venuta l’orticaria al solo pensiero, si sono sentiti male e in trappola, quasi circondati”. “Insomma, alla prova dei fatti la Lega assomiglia sempre più al Pd: interessi e privilegi da Prima Repubblica, zero attenzione ai problemi del Paese, zero coraggio contro i poteri forti e massimo impegno per amici degli amici”.

M5S A SALVINI: DI MAIO-RENZI? INVENTATENE UN’ALTRA, GIULLARE

“Caro Salvini stai vaneggiando, inventatene un’altra per giustificare quello che hai fatto, giullare”. Così in una nota il M5S. “Questa storia di Di Maio-Renzi è una fake news di Salvini per nascondere il tradimento del contratto di governo e del Paese”, conclude la nota.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

9 Agosto 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»