Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il giudice si riserva di decidere sul rilascio del cugino di Saman Abbas

saman abbas
Il 28enne Ikram Ijaz è l'unico dei cinque familiari indagati finora rintracciato dagli inquirenti per il presunto omicidio della ragazza pachistana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO EMILIA – Il tribunale del Riesame di Bologna si pronuncerà all’inizio della prossima settimana sul ricorso presentato dagli avvocati del 28enne Ikram Ijaz, cugino di Saman Abbas, per il rilascio del giovane detenuto da un mese nel carcere di Reggio Emilia. Al termine dell’udienza di oggi a Bologna, durata tre ore, il giudice si è infatti riservato. I difensori di Ijaz, Noris Bucchi e Luigi Scarcella del foro di Reggio, hanno parlato per circa due ore motivando il ricorso e contestando in sostanza la gravità del quadro indiziario a carico del loro assistito che, dall’emissione di ordinanza di custodia cautelare, sarebbe a loro dire anche cambiato. Per circa un’ora il pm ha perorato invece il rigetto dell’istanza.

LEGGI ANCHE: Le ricerche del corpo di Saman Abbas proseguono tra fossi, serre e la porcilaia dismessa

Ijaz è l’unico dei cinque familiari indagati di Saman finora rintracciato dagli inquirenti per il presunto omicidio della ragazza pachistana, scomparsa il 30 aprile scorso da Novellara dopo aver rifiutato un matrimonio combinato in patria.

I genitori della 18enne Saman, un altro cugino e lo zio, considerato l’autore materiale dell’omicidio, sono latitanti. Lui invece, bloccato a fine maggio a Nimes, è stato estradato dalla Francia il 9 giugno. Il 28enne, nell’interrogatorio di garanzia, si è avvalso della facoltà di non rispondere preannunciando però l’intenzione di rendere dichiarazioni spontanee ai magistrati per chiarire la sua posizione. Cosa che è avvenuta venerdì scorso quando il ragazzo è stato “torchiato” per 9 ore, ribadendo tuttavia la sua innocenza.
Contro di lui ci sono le immagini delle telecamere di videosorveglianza dell’azienda agricola dove gli Abbas lavoravano, che lo riprendono con l’altro cugino e lo zio avviarsi verso la campagna con attrezzi da scavo in mano. Per gli investigatori erano diretti al luogo in cui poi avrebbero scavato la buca dove collocare il corpo di Saman, che dopo oltre due mesi di ricerche non è stato ancora ritrovato.

LEGGI ANCHE: Saman, il fratello conferma accuse a parenti: “Uccisa dallo zio”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»