Regionali Campania, Beneduce: “Per me De Luca è come l’albero della vita”

Lo ha dichiarato in conferenza stampa la consigliera regionale Flora Beneduce che ha lasciato Forza Italia per sostenere il governatore uscente del Pd Vincenzo De Luca
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – “Di De Luca apprezzo il suo piglio deciso, non guarda ne’ a destra ne’ a sinistra. Io vedo De Luca come l’albero della vita e l’albero non e’ ne’ di destra ne’ di sinistra”. Lo ha spiegato in conferenza stampa la consigliera regionale Flora Beneduce che ha lasciato Forza Italia, dopo cinque anni di opposizione in Consiglio, per sostenere il governatore uscente del Pd Vincenzo De Luca e candidarsi alle prossime elezioni con il movimento Campania Libera.

“Io non sono trasformista – ha detto Beneduce rispondendo alle domande dei cronisti -, le mie idee sono le stesse di 20 anni fa: sono una democratica, liberale e popolare. Se c’e’ qualcuno di trasformista quello e’ Forza Italia, ormai a trazione sovranista, leghista e populista”.

La consigliera ha spiegato di poter ancora contare del sostegno dei suoi elettori. “Io – ha sottolineato – guardo negli occhi tutti quelli che mi votano. Il mio elettorato resta quello che era: non hanno mai votato per Forza Italia, ma per me, al di la’ del partito”. Beneduce ha quindi aggiunto di non avere “bisogno di poltrone perche’ – ha detto – sono un primario e la ‘poltrona’ di medico, anche se scomoda, me la sono guadagnata con lo studio”.

BENEDUCE: “DE LUCA ENTUSIASTA DELLA MIA CANDIDATURA”

“Con il governatore De Luca – aggiunge Beneduce – mi sono sentita telefonicamente, lui e’ entusiasta della mia candidatura”. “In questi anni in tanti mi hanno intercettata, tante forze politiche – prosegue -, tutti mi volevano nella loro lista, poi ho scelto Campania Libera: questo nome mi da’ un senso di liberta’”. Ai giornalisti che le chiedevano se sara’ lei la capolista, Beneduce ha spiegato di “non sapere” quale sara’ la sua posizione in lista. “Di Campania Libera – ha aggiunto – conosco solo Tommaso Casillo (attuale vicepresidente del Consiglio, ndr) con cui ho lavorato in ufficio di presidenza”. 

“VOTO DI SCAMBIO? NON C’ENTRO NIENTE”

“Mi sembra una caccia alle streghe. Io in quell’indagine non c’entro per niente”. Ha risposto cosi’ ai giornalisti la consigliera regionale Flora Beneduce, ex esponente di Forza Italia e ora candidata con Campania Libera a sostegno del governatore del Pd Vincenzo De Luca. Beneduce e’ indagata per voto di scambio nell’ambito di un’indagine sulle elezioni regionali del 2015 insieme al capogruppo di Forza Italia nel Consiglio regionale e non ricandidato Armando Cesaro. “Le intercettazioni relative a quell’inchiesta – ha detto Beneduce – riguardano due persone che parlavano di me. Io sono parte offesa, non c’entro niente. Sono certa che la magistratura fara’ il suo corso e ne usciro’ con la testa piu’ alta e la schiena ancora piu’ forte”.

Il nome di Flora Beneduce compare anche in un’altra inchiesta in cui sono indagati il senatore Luigi Cesaro e i suoi fratelli. La consigliera non e’ indagata ma secondo le risultanze investigative avrebbe incontrato esponenti della politica locale e anche un figlio del boss locale Pasquale Puca in un mobilificio di Sant’Antimo, nel Napoletano. Il tutto in vista delle elezioni politiche del 2018 in cui Flora Beneduce era candidata al parlamento nella lista di Forza Italia. “Io non sono indagata – ha ribadito la consigliera -. In quel mobilificio sono andata per incontrare il presidente del Consiglio comunale di Sant’Antimo che mi ha parlato della sua malattia, soffre di sindrome ostruttiva. Abbiamo parlato di quello”. “Il clan Puca? Io non conosco ne’ il boss Puca ne’ suo figlio. C’era un ingegnere a quell’incontro, ho chiesto di sostenermi – ha spiegato Beneduce -, mi ha detto che c’erano problemi con Forza Italia. Io ho detto solo una cosa, di sostenere me in persona e non Forza Italia”.

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»