Trapani, divieto di dimora per la sindaca di Erice

Avrebbe "abusato" della sua funzione per far rilasciare le autorizzazioni per l'apertura di un parcheggio gestito da una società di cui il fratello sarebbe socio occulto
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – l prefetto di Trapani, Tommaso Ricciardi, ha sospeso Daniela Toscano dalla carica di sindaca di Erice. Toscano, indagata per calunnia e abuso d’ufficio, oggi e’ stata raggiunta dalla misura cautelare del divieto di dimora nei comuni di Trapani ed Erice. Il provvedimento del prefetto e’ stato disposto in virtu’ della legge Severino, che prevede la sospensione dalla carica di sindaco nei casi in cui il divieto di dimora riguardi la sede in cui si svolge il mandato elettorale. La sospensione sara’ in vigore per tutta la durata della misura cautelare. Secondo l’impianto accusatorio della procura di Trapani la sindaca di Erice avrebbe “abusato” della sua funzione esercitando pressioni sugli uffici comunali competenti con l’obiettivo di rilasciare le autorizzazioni per l’apertura di un parcheggio sul lungomare ericino gestito da una societa’ di cui il fratello, Massimo Toscano, sarebbe socio occulto.

 

Toscano e’ indagata per calunnia e abuso d’ufficio: quest’ultimo reato sarebbe stato commesso in concorso con il fratello, Massimo, consigliere comunale di Trapani destinatario della stessa misura cautelare. Al marito di Toscano, Francesco Paolo Rallo, e’ stato notificato, invece, il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa. Secondo l’impianto accusatorio della procura di Trapani Toscano avrebbe “abusato” della sua funzione esercitando pressioni sugli uffici comunali competenti per far rilasciare le necessarie autorizzazioni per l’apertura di un parcheggio sul lungomare ericino gestito da una societa’ di cui Massimo Toscano Pecorella sarebbe socio occulto. Il sindaco di Erice, inoltre, “al fine di assicurarsi l’impunita’ – evidenziano gli investigatori – calunniava, denunciandolo alla Procura della Repubblica, falsamente del reato di diffamazione a mezzo stampa, il padre di un consigliere comunale di opposizione per una intervista da questi rilasciata a un quotidiano online”. Nell’intervista l’uomo denunciava pubblicamente l’affare del parcheggio. Nei confronti di Rallo, secondo i carabinieri, sono stati raccolti “gravi indizi di colpevolezza” riguardo al reato di atti persecutori: in piu’ occasioni, secondo il racconto degli inquirenti, avrebbe minacciato un imprenditore e la moglie, l’uomo con la propria testimonianza aveva collaborato nell’indagine sul sindaco di Erice e il fratello a cui sono contestati, inoltre, i reati di traffico di influenze illecite e diffamazione nei confronti dell’imprenditore. L’indagine, coordinata dal procuratore aggiunto Maurizio Agnello e dal sostituto Franco Belvisi, ha avuto inizio nel febbraio 2019 e rappresenta il proseguimento dell’inchiesta che condusse agli arresti domiciliari Salvatore Angelo Catalano, all’epoca vicesindaco e assessore della giunta Toscano al Comune di Erice, per le ipotesi di reato di abuso d’ufficio e corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio. Nell’inchiesta che ha portato alla notifica del divieto di dimora per Toscano sono indagate altre quattro persone per i reati di traffico di influenze illecite, favoreggiamento personale e false dichiarazioni al pubblico ministero. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»