Vacanze e coronavirus: come muoversi, dove dormire? Ecco le domande degli italiani

La Commissione europea ha lanciato Re-open EU, un'app e un sito per organizzare vacanze sicure nell'Europa post Covid-19
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Dopo il lockdown, con l’arrivo delle vacanze estive, è ripresa la voglia di partire e di viaggiare. Riaprono i confini e gli spostamenti nell’Unione europea sono di nuovo consentiti. In molti hanno preferito vacanze in Italia, ma c’è chi guarda al resto dell’Europa per il soggiorno estivo. Il tutto però deve essere fatto in sicurezza, ma non mancano interrogativi. Tra le domande “più diffuse ritroviamo la scelta del mezzo di spostamento da utilizzare, che alloggio preferire e come muoversi nella città ospitante”. A dirlo e’ il team di psicologi impegnati nel progetto ‘Lontani ma vicini’ di Diregiovani.it e dell’Istituto di Ortofonologia (IdO) che, nell’ambito della task force per l’emergenza educativa del Ministero dell’Istruzione, offrono uno spazio di ascolto e supporto a studenti, docenti e genitori. 

“Le modalità di apertura- proseguono gli esperti- non sono uguali per tutti e un turista rischia di rimanere disorientato. Con i confini riaperti, infatti, la Commissione europea ha lanciato Re-open EU, un’app e un sito per organizzare vacanze sicure nell’Europa post Covid-19. Se si visita il sito basta cliccare sulla mappa interattiva per avere accesso a tutte le informazioni utili per pianificare il viaggio: apertura frontiere, situazione sanitaria del Paese, funzionamento dei mezzi pubblici e norme per visitare i siti turistici o andare al ristorante in piena tranquillità”, aggiungono gli psicologi.

Per fare ulteriore chiarezza la Commissione europea il 15 giugno scorso, in concomitanza della riapertura delle frontiere da parte di molti Paesi Ue, ha lanciato anche l’app multilingue per pianificare vacanze sicure in Europa nel periodo post-Covid 19 e favorire la ripresa del turismo. Nonostante tutte le misure anticontagio adottate, “per gli spostamenti- concludono gli psicologi- molti hanno rivalutato i camper, a noleggio o di proprietà, per sentirsi sicuri durante tutta la vacanza e in piena autonomia”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»