VIDEO | Scoperta a Somma Vesuviana centrale di produzione di documenti falsi

I carabinieri hanno ritrovato 100 passaporti contraffatti, 13 dei quali già intestati a persone italiane e straniere in corso di identificazione e16 cliché metallici con l'emblema dello Stato Italiano
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
NAPOLI – E’ una vera e propria centrale del falso quella che i carabinieri hanno scoperto e smantellato a Somma Vesuviana, nel napoletano. I militari hanno rinvenuto 30 macchinari, centinaia di passaporti contraffatti e decine di cliche’ con l’emblema dello Stato italiano. Arrestato, con l’accusa di possesso e produzione di documenti falsi, un 64enne incensurato. In particolare, spiega una nota dell’Arma, “nei giorni scorsi i militari avevano notato movimenti sospetti nelle vicinanze dell’abitazione del 64enne” e, a seguito di controlli, “hanno scoperto all’interno di un garage attiguo un vero e proprio centro di produzione di documenti falsi. All’interno del locale sono stati rinvenuti e sequestrati 31 macchinari estremamente sofisticati impiegati per la produzione e la rilegatura di documenti di identita’ di varia natura”. I carabinieri hanno, quindi, recuperato 100 passaporti contraffatti, 13 dei quali erano gia’ intestati a persone italiane e straniere in corso di identificazione, 16 cliche’ metallici con l’emblema dello Stato Italiano e ancora, pronte all’uso, numerose card in plastica verosimilmente destinate alla stampa di badge e carte di identita’ di nuova generazione. La stamperia, estesa 300mq, e’ stata sequestrata mentre il 64enne e’ stato sottoposto ai domiciliari in attesa di giudizio.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»