Venezia, Toninelli risponde a Brugnaro: “Si prenda la responsabilità di chiudere alle grandi navi”

Toninelli chiede a Brugnaro di indicargli "in che modo si può risolvere il problema da domani"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MADDALONI (CASERTA) – “Da domani non è possibile chiudere alle grandi navi a meno che non me lo chieda il sindaco e se ne prenda le responsabilità”. Lo dice il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Danilo Toninelli rispondendo, a margine di una visita a un cantiere della Napoli-Bari a Maddaloni (Caserta), al sindaco di Venezia Luigi Brugnaro sulle grandi navi.

LEGGI ANCHE: Venezia, Brugnaro: “Sulle grandi navi il tempo è scaduto, Toninelli decida”

“Io non mi assumerò mai la responsabilità – aggiunge – di far passare una nave con sopra 3mila o 5mila turisti in una canale stretto chiamato canale petrolio perché è un sito industriale con petroliere che vanno avanti e indietro. Se una grande nave da crociera si scontrasse contro una petroliera si verificherebbe una strage immane”. Un rischio, questo, che il ministro non vuole correre “assolutamente”.

Toninelli chiede a Brugnaro di indicargli “in che modo si può risolvere il problema da domani” e si dice disponibile a proporre “un emendamento nel decreto sicurezza bis per chiudere Venezia alle grandi navi già da domani. Ma poi – avverte – deve prendersi lui la responsabilità di chiudere la crocieristica e degli eventuali danni al contesto occupazionale di Venezia. Brugnaro rappresenta i cittadini di Venezia, quindi se vuole che da domani ci sia questa chiusura del canale a tutte le grandi navi deve dirmelo lui. Poi, se la Lega è d’accordo, il problema è chiuso”.

Il ministro spiega come sia “talmente evidente” il problema della sicurezza a Venezia da considerare “scellerata l’ipotesi Marghera”. Quindi, insiste: “sono profondamente stanco degli insulti e delle inutili e fasulle polemiche da parte di Brugnaro, che è andato evidentemente oltre lo straparlare”, ricordando che il ministero sta lavorando a una “soluzione definitiva per un porto crocieristico che porterà le navi definitivamente fuori dalla Giudecca. Ma – avverte – ci vogliono 5 anni e intanto noi stiamo cercando dei siti per far non far passare più da San Marco una percentuale sempre più ampia di grandi navi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

9 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»