Roma, si arrampica sul Colosseo e minaccia il suicidio: la protesta della guida turistica

Un atto dimostrativo durato circa un'ora e 30 minuti per dire 'no' al nuovo regolamento di Polizia urbana della Capitale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

🔴 Uomo minaccia suicidio al Colosseo

Geplaatst door Agenzia di stampa DIRE op Dinsdag 9 juli 2019

 

ROMA – Ha desistito ed è sceso dal primo anello del Colosseo sul quale si era arrampicato per protesta. Un atto dimostrativo durato circa un’ora e 30 minuti quello di Franco, guida turistica di Roma, che minacciato il suicidio per dire ‘no’ al nuovo regolamento di Polizia urbana della Capitale in vigore da alcuni giorni.

Oltre ad introdurre il Daspo urbano, nuove regole contro la prostituzione e i bagni nelle fontane con multe fino a 459 euro, le regole rese definitive dal voto dell’Assemblea capitolina il 6 giugno scorso, colpiscono anche alcune attività non compatibili con il decoro storico e artistico del sito tutelato dall’Unesco all’interno del Centro Storico. Come quelle dei procacciatori di turisti e salta-fila.

“I divieti – spiega il Campidoglio- venivano regolati, in passato, con ordinanze temporanee che oggi non è più possibile emettere, perché fenomeni come quello dei centurioni, dei saltafila e dei venditori abusivi di cibi o bevande su strada non sono più saltuari o sporadici, bensì radicati. Da qui l’esigenza di rendere altrettanto strutturale la loro disciplina”.

Franco, che aveva raccolto il consenso di alcune decine di guide turistiche sotto al Colosseo, è stato preso in consegna dagli uomini della Polizia di Roma Capitale. Un gruppo si è poi diretto verso piazza del Campidoglio per continuare la protesta.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

9 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»