Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Londra, dopo Davis si dimette anche il ministro degli Esteri Boris Johnson

boris-Johnson
Il ministro Davis con delega alla Brexit aveva annunciato nella notte le sue dimissioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dopo le dimissioni del ministro per la Brexit David Davis, anche il ministro degli Esteri britannico Boris Johnson ha rinunciato al suo incarico. “Questo pomeriggio il primo ministro ha accettato le dimissioni di Boris Johnson da segretario degli Affari esteri” ha annunciato in una nota l’ufficio della premier Theresa May.

Le dimissioni sono state comunicate circa mezz’ora prima di un intervento in parlamento della May, chiamata a presentare il suo piano per Brexit.

David Davis, ministro con delega alla Brexit, aveva annunciato nella notte le sue dimissioni

David Davis, ministro con delega alla Brexit, aveva annunciato nella notte le sue dimissioni in polemica con la linea adottata dalla premier Theresa May nelle trattative con Bruxelles, giudicata troppo morbida. Davis e’ un elemento chiave della compagine che sostiene il governo conservatore britannico: esponente di punta della corrente Tory euroscettica, l’ormai ex ministro non ha digerito l’esito del Consiglio dei ministri di venerdi’, nel quale May aveva imposto la sua nuova strategia piu’ conciliante. Nella scia di Davis, convinto che May abbia dato all’Ue “troppo e troppo facilmente”, ha rassegnato le dimissioni anche il sottosegretario Steve Baker. Le scelte dei due esponenti di governo, non ancora ufficializzate da Downing Street, sono state annunciate dalla ‘Bbc’.

Corbyn attacca May: “Il suo governo una nave che affonda”

Il governo di Theresa May è “una nave che affonda”: parola del leader laburista Jeremy Corbyn, intervenuto oggi alla Camera dei Comuni, in occasione della presentazione della linea dell’esecutivo conservatore su Brexit. Alla Camera dei Comuni, a fronte della critiche, May ha difeso la propria linea. “Questa è la Brexit giusta” ha detto la premier: “Lasceremo l’Unione Europea il 29 marzo 2019”. Il capo del governo ha poi sottolineato che “negli ultimi due anni” ha ascoltato “ogni idea e versione possibile su Brexit”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»