Le Mura di Bergamo diventano patrimonio Unesco

"Il riconoscimento è motivo di grande orgoglio", commenta il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Le Mura di Bergamo sono diventate patrimonio dell’umanità grazie all’Unesco.

“Questa mattina a Cracovia c’è stata la proclamazione delle Mura veneziane di Bergamo come undicesimo sito Unesco della Lombardia. Ottima notizia”, scrive su facebook Roberto Maroni, presidnete della regione Lombardia.

“Il riconoscimento- aggiunge- è motivo di grande orgoglio, perché rende ulteriore merito allo straordinario patrimonio culturale della Lombardia, che da oggi vanta un nuovo sito Patrimonio mondiale dell’umanità, in cui sono coinvolte anche altre Regioni. Con le Mura veneziane di Bergamo salgono dunque a undici i siti Unesco della nostra regione, dieci ‘materiali’ più il sito ‘immateriale’ del ‘saper fare il liutario’ riconosciuto alla città di Cremona”.

“La Lombardia rafforza così il proprio primato di regione con il maggior numero di siti Unesco in Italia- dice ancora Maroni- e si conferma, anche in questo ambito, una vera eccellenza nazionale“.

LEGGI ANCHE Le antiche faggete italiane diventano patrimonio dell’Unesco FOTO

“Finalmente le mura di Bergamo patrimonio mondiale #UNESCO. La nostra storia si fa futuro #orgoglio”, scrive su twitter Maurizio Martina, ministro politiche agricole.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»