Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Le antiche faggete italiane diventano patrimonio dell’Unesco FOTO

Sul territorio italiano spiccano le faggete abruzzesi, con una superficie di quasi mille ettari nei Comuni di Villavallelonga, Lecce nei Marsi, Pescasseroli e Opi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Le foreste italiane fatte di faggi secolari sono state riconosciute dell’Unesco patrimonio dell’umanità.

Il riconoscimento è arrivato a Cracovia, dove era riunita la Commissione, e ha riguardato anche le faggete di Austria, Germania e di altri Paesi europei (Albania, Belgio, Bulgaria, Croazia, Romania, Ucraina, Slovacchia, Slovenia, Ucraina e Spagna).

I territori premiati

Sul territorio italiano spiccano le faggete abruzzesi, con una superficie di quasi mille ettari. Si trovano nei Comuni di Villavallelonga, Lecce nei Marsi, Pescasseroli e Opi.

Ci sono poi quelle del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, della Foresta Umbra (in Puglia, parco nazionale del Gargano), di Cozzo Ferriero (in Calabria, parco del Pollino), del Monte Cimino e di Monte Raschio, nel Lazio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»