Le antiche faggete italiane diventano patrimonio dell’Unesco FOTO

Sul territorio italiano spiccano le faggete abruzzesi, con una superficie di quasi mille ettari nei Comuni di Villavallelonga, Lecce nei Marsi, Pescasseroli e Opi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Le foreste italiane fatte di faggi secolari sono state riconosciute dell’Unesco patrimonio dell’umanità.

Il riconoscimento è arrivato a Cracovia, dove era riunita la Commissione, e ha riguardato anche le faggete di Austria, Germania e di altri Paesi europei (Albania, Belgio, Bulgaria, Croazia, Romania, Ucraina, Slovacchia, Slovenia, Ucraina e Spagna).

I territori premiati

Sul territorio italiano spiccano le faggete abruzzesi, con una superficie di quasi mille ettari. Si trovano nei Comuni di Villavallelonga, Lecce nei Marsi, Pescasseroli e Opi.

Ci sono poi quelle del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, della Foresta Umbra (in Puglia, parco nazionale del Gargano), di Cozzo Ferriero (in Calabria, parco del Pollino), del Monte Cimino e di Monte Raschio, nel Lazio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»