VIDEO | Napoli, il Museo di Capodimonte riparte con lo slogan “sicuro e sereno”

Lo annuncia Sylvain Bellenger, direttore del Museo e del Bosco di Capodimonte, a margine della conferenza stampa per la riapertura del sito
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print


NAPOLI – “Dopo il bosco ora riapriamo il museo. Tutto il nostro mondo e’ aperto in modalita’ ‘slow visit’: lo slogan che abbiamo scelto e’ ‘Capodimonte sicuro e sereno'”. Lo spiega Sylvain Bellenger, direttore del Museo e del Bosco di Capodimonte di Napoli, a margine della conferenza stampa per la riapertura del sito.

“Gli orari d’apertura – prosegue – restano gli stessi, ma l’accesso e’ consentito a 10 persone alla volta prenotando online. La mostra ‘Napoli, Napoli. Di lava, porcellana e musica’ e’ aperta fino a Pasqua 2021, cosa possibile perche’ i pezzi sono del San Carlo e le collezioni di Capodimonte”. Restera’ fino ai primi di gennaio la mostra ‘Calatrava nella luce di Napoli’ “grazie ad una negoziazione con il suo ufficio”.

A SETTEMBRE LE MOSTRE DI VINCENZO GEMITO E LUCA GIORDANO

Per settembre ed ottobre sono in programma altre due grandi mostre: Gemito “che doveva aprire a marzo” e Luca Giordano. Sul prezzo del biglietto d’accesso Bellenger chiarisce che, da dopo il Covid-19, “costera’ 8 euro”. “Avere nella terza citta’ d’Italia – sottolinea il direttore di Capodimonte – il piu’ grande bosco del Paese e’ un enorme lusso, ma non e’ abbastanza conosciuto. È organizzato in modo assolutamente sicuro con spazi per la passeggiata, per le bici, per il jogging. Poi per gli amanti dei cani ci sono spazi enormi dove gli animali possono correre in liberta’”. Capodimonte risulta, cosi’, un luogo importante “non solo per i turisti – conclude Bellenger – ma anche per i napoletani“.

LEGGI ANCHE: FOTO | VIDEO | Dopo 80 giorni di chiusura riaprono gli scavi di Pompei

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»