Jarabe De Palo, il cantante Pau Donés muore a 53 anni

L'artista lottava da tempo contro un tumore
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – È scomparso questa mattina all’eta’ di 53 anni Pau Donés, il cantante degli Jarabe De Palo. L’artista ha perso la sua battaglia contro un tumore al colon che gli era stato diagnosticato nel 2015. A darne notizia l’account Twitter ufficiale della band, nota per successi come ‘La Flaca’ e ‘Depende’. “Vogliamo ringraziare l’equipe medica e tutto il personale dell’Osedale de la Vall di Hebron, l’ospedale Sant Joan Despí Moise’s Broggi, l’Istituto Catalano di Oncologia e tutti per il lavoro e la dedizione. Chiediamo il massimo rispetto della privacy in questo momento difficile”, si legge nella nota ufficiale. Donés era stato operato nel 2015. Il tumore lo aveva lasciato l’anno dopo, salvo poi tornare nel 2017. Tanti i messaggi di cordoglio sui social da parte dei fan. Proprio per loro, dopo essersi ritirato nel 2018, Pau aveva annunciato di voler tornare sulle scene.

LEGGI ANCHE: Musica, Jarabe de Palo in Italia. Pau Donés: “E’ casa mia”

Pau Donés, la musica e la malattia in un’avvincente biografia

UN GRAZIE ALLA VITA NELL’ULTIMA HIT

Aveva fatto in tempo a tornare con un video per il suo ultimo singolo. Che poi è stato un saluto e un ringraziamento alla vita, nella sua positività. Perché così sono sempre state le canzoni di Pau Dones, scomparso a 53 anni dopo una lunga lotta contro il cancro, all’insegna dell’allegria e della positività. Nato l’11 ottobre 1966 a Montanuy, un comune spagnolo che si trova nella comunità autonoma dell’Aragona, era però cresciuto a Barcellona.

Eso que tú me das‘ è il video pubblicato lo scorso 25 maggio dai Jarabe de Palo, la band che Pau Dones ha guidato dal 1996. E proprio in quell’anno che arriva il primo grande successo, già all’esordio, con l’album La Flaca, titolo che prende il nome dal singolo, scritto dopo un viaggio a Cuba. Vende milioni di copie in tutto il mondo, e diventa la canzone dell’estate 1997. Per confermare che non è stato un caso isolato, Pau Dones pubblica Depende nel 1999.

Dopo di allora arriveranno altri 7 album, con collaborazioni illustri come quelle con Jovanotti. Che sui social ha espresso il proprio dolore: “Ho appena saputo della morte di Pau Dones- ha twittato- è una notizia tremenda, ci eravamo scritti 3 giorni fa e come al solito era lui a rassicurare me. Mi mancherai tantissimo amico e maestro Pau. Mi è difficile crederci”.

‘Eso que tú me das’, ‘Cosa mi dai’ cantava nell’ultimo video. In cui appare molto dimagrito, con la barba lunga: “Per tutto quello che mi dai, ti sarò sempre grato. Quindi grazie per esserci, per l’amicizia e la compagnia”, canta nel testo. Il singolo rappresenta un’anteprima del nuovo album che uscirà a settembre su supporto fisico mentre è già disponibile in digitale, con il titolo Tragas or Spits, album postumo dell’autore.

Il cancro è come un fantasma che appare senza preavviso. Ecco perché è importante essere vigili. Con il cancro, è meglio prevenire che curare”. Nel 2015 era stato operato per un tumore al colon, poi tornato nel 2017. Dopo il temporaneo addio alla musica nel 2018, per godersi la figlia Sara, Pau era tornato a cantare: “Torno per chi vuole ascoltarmi, torno mentre il corpo resiste, torno per la mia gente, torno e qui ho intenzione di rimanere per sempre. Torno perché la musica nella mia testa è tornata. Sto tornando perché salire sul palco è tutto quello a cui penso. Faccio quello che ho sempre voluto fare”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»