Parco dei Monti Lucretili, il logo del trentennale disegnato da una studentessa

Una mattinata dedicata alla premiazione del concorso voluto dall'Ente Parco per coinvoglere attivamente i giovani nelle celebrazioni per i trent'anni dalla nascita del Parco
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALOMBARA SABINA – Una domenica di festa per gli studenti dei 13 comuni del Parco naturale regionale dei Monti Lucretili che oggi si sono riuniti all’interno del castello Savelli di Palombara Sabina. Una mattinata dedicata alla premiazione del concorso voluto dall’Ente Parco per coinvoglere attivamente i giovani nelle celebrazioni per i trent’anni dalla nascita del Parco.

La presidente del Parco, Barbara Vetturini, ha voluto infatti coinvolgere gli istituti scolastici attivi nei progetti di educazione ambientale attraverso un concorso per la realizzazione del logo del Trentennale con l’obiettivo di individuare un simbolo capace di raccontare in modo creativo e innovativo l’Area protetta, i suoi valori identitari e la sua missione.

A vincere è stata Irene, dell’istituto comprensivo di Vicovaro che con la sua aquila che vola sulle montagne è riuscita a rappresentare in pieno il territorio e le sue caratteristiche. Il secondo e il terzo premio sono stati assegnati rispettivamente a Diego, anche lui di Vicovaro, e Sofia dell’istituto comprensivo di Palombara Sabina.

“Sono molto contenta e soddisfatta- ha detto Barbara Vetturini, presidente del Parco- perché il mio obiettivo è coinvolgere le scuole, i bambini e i ragazzi, e ci siamo riusciti facendo partecipare tutte le scuole dei 13 comuni. Avevamo l’esigenza di scegliere un logo ma la vittoria è di tutti i bambini”.

Presenti alla cerimonia oltre alla presidente del Parco, la direttrice Laura Rinaldi; i consiglieri regionali Giancarlo Righini e Marco Vincenzi; Fiorenzo De Simone, sindaco di Vicovaro e Alessandro Palombi, sindaco di Palombara.

Tutti hanno sottolineato l’importanza di valorizzare l’area protetta – istituita con legge regionale del Lazio numero 41 del 26 giugno 1989 – partendo proprio dal coinvolgimento delle giovani generazioni, per promuovere la tutela del territorio e un’educazione ambientale basata sulla consapevolezza e il rispetto.

“Il parco lavora tanto con le scuole del territorio in diverse attività”, ha ricordato la direttrice Rinaldi. E l’intento è quello di aumentare sempre di più la partecipazione: “è necessario fare rete con le istituzioni, le scuole e le comunità- ha affermato Barbara Vetturini- per questo abbiamo avviato un gruppo di lavoro per decidere insieme le azioni e le attività da svolgere”.

Emozionati e contenti di essere saliti sul podio, i tre vincitori hanno spiegato il lavoro svolto in classe: “la maestra ci ha anche sgridato- ha detto Irene, sorridendo- ma poi siamo riusciti a raccontare cosa rappresenta per noi il parco, io da casa mia vedo la montagna e ho voluto disegnarla insieme all’aquila, l’animale che mi piace di più”.

Tutti i disegni dei bambini delle scuole che hanno partecipato all’iniziativa sono stati esposti all’interno del castello, in una mostra che ha messo in luce l’ampio lavoro svolto dalle scuole del territorio.

PRESIDENTE PARCO MONTI LUCRETILI: SCUOLE RISORSA FONDAMENTALE

“Il Parco in occasione del trentennale ha voluto coinvoglere tutte le scuole del territorio composto da 13 comuni e sono molto soddisfatta del risultato ottenuto, abbiamo ricevuto piu di 600 disegni per il concorso e la vittoria di un bellissimo logo ma non ha vinto solo una bambina è la vittoria di tutti i bambini che hanno partecipato, lo scopo era questo e riuscire a capire da loro cosa vogliono dal parco e cosa si aspettano”. Così Barbara Vetturini, presidente del Parco naturale regionale dei Monti Lucretili in occasione della premiazione del concorso per le scuole nel Castello Savelli di Pombara Sabina.

Necessario per la presidente proseguire su questo linea, coinvolgendo le scuole e le comunità dei territori che rientrano nell’area dei Monti Lucretili: “Questo lo possiamo considerare un trampolino di lancio- ha concluso- e dimostra che quando le istituzioni a più livelli riescono a collaborare i risultati si ottengono”.

SINDACO PALOMBARA: COINVOLGERE GIOVANI PER TUTELA TERRITORIO

“Un’iniziativa come questa ben spiega quale può essere il nostro impegno: far entrare nelle menti dei giovani l’importanza del rispetto dell’ambiente. L’iniziativa del parco aiuta i ragazzi fin da piccoli a sentire come proprio l’ambiente nel quale vivono”. Così Alessandro Palombi, sindaco di Palombara Sabina in occasione della premiazione del concorso per le scuole promosso dal Parco dei Monti Lucretili. Oggi all’interno del Castello Savelli a Palombara Sabina sono stati consegnati i riconoscimenti alle scuole e ai ragazzi che hanno partecipato. Contemporaneamente tutto il paese è in festa per la tradizionale sagra delle cerase giunta alle 91esima edizione.

“Possiamo vantarci di avere la sagra più antica d’Europa- ha detto il sindaco- è un momento di festa per tutto il paese nel quale si rivive la storia e lo spirito di comunità, è l’occasione per far conoscere le nostre prelibatezze e soprattutto è un momento importante per la comunità tutta che si conclude con la sfilata dei carri allegorici interamente costruiti a mano dai giovani palombaresi, carri che saranno ricoperti di ciliege e fiori, un lavoro enorme intorno al quale si costruisce la storia di questa città”.

SINDACO VICOVARO: PARCO MONTI LUCRETILI OPPORTUNITÀ PER TERRITORIO

“Il tema dell’ambiente, della natura, della valorizzazione dell’enorme patrimonio naturalistico di cui siamo ricchi è centrale per le attività del comune e di tutta la comunità”. Sono le parole di Fiorenzo De Simone, sindaco di Vicovaro presente alla premiazione delle scuole vincitrici del concorso organizzato dal Parco dei Monti Lucretili in occasione del trentennale della nascita.

Due dei tre alunni premiati sono dell’istituto comprensivo di Vicovaro: “E’ grande la soddisfazione per i premi consegnati ai nostri alunni”, ha detto il sindaco sottolineando la volontà del comune di impegnarsi in azioni a favore dei giovani e del territorio.

Questi trent’anni dalla nascita dell’Ente Parco, ha ricordato De Simone, “sono stati anni complicati, non sempre il parco è stato vissuto dai cittadini e dalle istituzioni come un’opportunità, noi crediamo che lo sia e ci fa piacere vedere che questa nuova gestione guidata dalla presidente Vetturini si stia impegnando nella direzione che tutti aspettavamo da anni e questa manifestazione ne é una testimonianza concreta”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

9 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»