Terremoto, da Roma arriva camper lavanderia mobile Cri-Whirlpool/Video

De Nardis: "Subito in zone sisma, poi daremo aiuto ai senza dimora"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una lavanderia mobile con all’interno un set di tre lavatrici e tre asciugatrici. E’ questa l’idea nata dalla collaborazione tra Whirlpool Corporation e Croce Rossa italiana. Il veicolo è stato progettato per fornire assistenza nelle zone colpite dal sisma e alle persone senza fissa dimora delle principali città italiane.

LEGGI ANCHE Croce rossa Lazio incontra Zingaretti: “Percorsi condivisi”

La presentazione della nuova lavanderia mobile è avvenuta stamattina a Roma presso la sede del Comitato regionale della Croce Rossa italiana, dove il presidente Cri Lazio, Adriano De Nardis, alla presenza del direttore comunicazione e delle relazioni governative per l’Enea di Whirlpool, Alessandro Magnoni, ha dichiarato: “Grazie alla partnership con Whirlpool, abbiamo realizzato la prima di una lunga serie di lavanderie mobili che utilizzeremo nell’immediato per dare sostegno alle popolazioni terremotate, e in un secondo momento per assistere i senza fissa dimora che vivono nel nostro Paese”. “In questa giornata di festeggiamenti- ha poi concluso De Nardis- oltre a ringraziare i nostri amici di Whirlpool per il prezioso aiuto offertoci, voglio ricordare quanto Croce Rossa sia grata a tutti i suoi volontari, che concretamente si adoperano senza sosta a favore delle persone in difficoltà”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»