In Sudafrica il vaccino Tat migliora l’effetto dei farmaci anti-Hiv

I risultati vengono pubblicati oggi sulla rivista peer-review open access Retrovirology
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

LABORATORIO_SANGUE_HIVROMA – Lo studio clinico di fase II condotto in Sudafrica ha confermato che il vaccino terapeutico Tat contro l’Hiv/Aids può migliorare le terapie oggi disponibili per il trattamento dell’infezione da Hiv. I risultati vengono pubblicati oggi sulla rivista peer-review open access Retrovirology (qui il link), uno dei giornali più autorevoli nel campo dell’Hiv/Aids.

Il vaccino è stato sviluppato nei laboratori dell’Istituto superiore di Sanità dal Centro nazionale Aids (Cnaids). “Il programma di cooperazione bilaterale tra il governo italiano e quello del Sudafrica per la lotta contro l’Hiv/Aids, di cui fa parte questo studio- ha sottolineato Walter Ricciardi, presidente dell’Iss- è un esempio di eccellenza che ha saputo trasformare i risultati della ricerca clinica in strumenti per la salute pubblica”.

LEGGI ANCHE

Icar: Hiv, un italiano su due non sa cosa sia

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»