Mafia, beatificato il giudice Rosario Livatino. Arcivescovo Palermo: “Sue parole attuali”

La Chiesa ha riconosciuto il martirio 'in odium fidei' del magistrato ucciso a 38 anni di età dalla mafia agrigentina, il 21 settembre 1990
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – La comunità ecclesiale di Palermo gioisce per la beatificazione di Rosario Livatino, così come testimoniato dalle parole dell’arcivescovo monsignor Corrado Lorefice, che oggi non ha potuto prendere parte alla cerimonia di Agrigento perché in quarantena per via della positività al Covid-19.

“Non possiamo che salutare con grande gioia questo dono che la Chiesa oggi riconosce e che adesso ci riconsegna- dice Lorefice, le cui condizioni non destano proeccupazione- Figure come quella del giudice Rosario Livatino possono arricchire l’oggi delle nostre comunità e delle Chiese locali, il loro mandato testimoniale: un annuncio gioioso e audace del Vangelo che genera una trasformazione sociale in termini di riscatto e di liberazione”.

Nei mesi scorsi la Congregazione delle Cause dei Santi ha promulgato il decreto che riconosce il martirio ‘in odium fidei’ del magistrato ucciso a 38 anni di età dalla mafia agrigentina, il 21 settembre 1990, lungo la strada che da Canicattì conduce ad Agrigento. “Questo riconoscimento da parte della Chiesa- prosegue l’arcivescovo- mette in luce chiaramente che la fede cristiana va incarnata nella vita ordinaria”.

Lorefice poi cita Livatino, dicendo che “è quanto mai attuale” la celebre frase “Quando moriremo, nessuno ci verrà a chiedere quanto siamo stati credenti, ma credibili“. E poi ancora Lorefice: “Per ciò che ha rappresentato e continua a rappresentare Rosario Livatino, la sua testimonianza è particolarmente significativa per la nostra terra che ha bisogno di ripensarsi a partire dall’alto valore della giustizia e della solidarietà nel bene. La nostra isola che conosce il gemito dell’oppressione del male nelle sue variegate, subdole e devastanti forme, necessita ancora di donne e di uomini ispirati dal Vangelo che permettano ad altri di diventare soggetti liberi. È ancor più significativo, a tal proposito, che la beatificazione del giudice Livatino giunga in un momento storico in cui innanzitutto la Chiesa che opera in questa terra si trova a stare accanto a cittadini, famiglie, giovani che stanno attraversando le drammatiche ripercussioni economiche e sociali della pandemia, una condizione che si manifesta sempre più chiaramente come fertilissimo terreno per nuove e sempre più capillari forme di penetrazione mafiosa per profitti e speculazioni”.

“Nel comune sforzo che oggi come trent’anni fa viene chiesto a tutti noi, questa beatificazione- conclude- ci chiama ad un ‘martirio dell’ordinario’, il martirio di quanti, così come ci ricorda il Vangelo, sono nella mitezza costruttori feriali di giustizia e di pace”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»