Mafia, Fico ricorda Peppino Impastato: “Non dobbiamo dimenticare”

Nella notte tra l'8 e il 9 maggio del 1978 Peppino Impastato veniva ucciso dalla mafia, che poi provo' a nascondere quel gesto con un depistaggio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Nella notte tra l’8 e il 9 maggio del 1978 Peppino Impastato veniva ucciso dalla mafia, che poi provo’ a nascondere quel gesto vigliacco con un depistaggio. Sono passati 42 anni ma noi non dobbiamo dimenticare“. Lo scrive su Facebook il presidente della Camera, Roberto Fico.

“Non dobbiamo dimenticare- aggiunge- la sua storia, quella di un giovane che rinnega quella parte della famiglia legata a doppio filo con la mafia e con il boss Tano Badalamenti. Non solo la rinnega, ma la combatte. E lo fa dileggiandola, con la satira della sua Radio Aut. E allo stesso tempo con il suo lavoro di giornalista. Peppino Impastato era un eroe civile. Un politico.
Un giornalista. Coraggioso, ostinato e appassionato
. È importante far conoscere, soprattutto ai piu’ giovani, la sua storia. In questo fondamentale esercizio di memoria – che noi tutti dobbiamo compiere perche’ parte integrante del nostro percorso di cittadini – si inquadra la mostra fotografica dedicata a Impastato, alla sua vita e ai luoghi della sua breve gioventu’, che lo scorso febbraio la Camera dei deputati ha ospitato. Passa anche per questa strada la lotta alla mafia, attraverso il racconto di quanti non si sono mai nascosti dietro alle difficolta’ e, senza cedere al disfattismo ed alla rassegnazione, hanno pagato con la vita il proprio impegno per rendere il Paese finalmente libero dalla schiavitu’ mafiosa”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»