Il Covid contagia anche la rete: 4mila domini italiani registrati a tema

La distribuzione geografica dei domini .it legati al Coronavirus vede al primo posto la Lombardia, seguita da Lazio e Emilia Romagna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La distribuzione geografica dei domini .it legati al Coronavirus vede al primo posto la Lombardia, seguita da Lazio e Emilia Romagna. La tipologia dei servizi e delle attivita’ associati riguarda soprattutto news sul virus, informazioni sanitarie e vendita on line. Lo attesta il Registro .it, con sede operativa presso l’Istituto di Informatica e Telematica del Cnr.

 Il Registro .it, l’anagrafe dei domini con suffisso “.it”, con sede operativa presso l’Istituto di Informatica e Telematica del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iit), ha monitorato il “contagio” avvenuto in Rete attraverso i nomi a dominio a targa italiana legati alla pandemia. L’osservatorio, ideato dall’Unita’ sistemi e sviluppo tecnologico del Registro .it, evidenzia che dall’inizio di febbraio a oggi sono stati registrati circa 3.922 nuovi domini “.it” legati al tema Coronavirus: il dato e’ comunque in continua evoluzione. 

La top ten dei termini usati in questi domini e’: coronavirus, covid19, covid, mascherine, mask, virus, mascherina, Italia, free, antivirus. La distribuzione geografica dei nuovi domini “pandemici” fotografa la Lombardia al primo posto in Italia come regione con Milano prima come provincia. Al secondo posto il Lazio, terza l’Emilia-Romagna e fanalino di coda la Valle d’Aosta. 

“Se esaminiamo la classifica pero’ la correlazione tra il numero delle registrazioni sul tema e i casi di Coronavirus registrati localmente risulta debole”, interviene il responsabile di Registro .it e direttore del Cnr-Iit, Marco Conti, “In realta’ la classifica e’ inalterata rispetto ad altri periodi, le regioni che contano piu’ registrazioni sul Covid sono quelle che registrano normalmente piu’ domini .it”. 

L’analisi evidenzia che, in maggioranza, questi nomi sono stati registrati da persone fisiche italiane e straniere, seguite da societa’/imprese individuali e liberi professionisti; pochissimi domini risultano assegnati a enti no-profit. La tipologia dei servizi e delle attivita’ associati a questi domini riguarda soprattutto news sul virus, informazioni sanitarie e legate ad attivita’ di vendita on line. “Non e’ da escludersi che dietro ad alcuni di questi nuovi domini, si celino registrazioni speculative e malevoli, anche a livello internazionale e’ stato appurato che dietro ad alcuni nuovi domini legati alla pandemia si possano celare spammer o cyber criminali“, conclude Conti. L’attenzione sull’intero settore della registrazione dei domini a marchio Made in Italy e’ quindi alta da parte del Registro “.it”, in collaborazione con le istituzioni e autorita’ competenti che combattono il crimine informatico. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»