Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Saviano: “Di Maio blatera e non capisce che a Roma avanza il fascismo”

"Di Maio non capisce la posta in gioco, getta briciole di pane al popolo in cambio dell'avanzata del fascismo a Roma"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ai tempi di Silvio Berlusconi eravamo abituati a questo: la sera Berlusconi diceva una qualunque inaccettabile enormità e il mattino seguente il suo portavoce, come niente fosse stato, la smentiva… Luigi Di Maio ha imparato presto. Il crollo politico del M5S ha una ragione semplice: una classe dirigente scarsa, inadeguata”. Lo scrive su facebook Roberto Saviano.

“Come è possibile- aggiunge- che ieri, a ora di pranzo, il capo politico del M5S abbia parlato di ‘trionfo della onestà’ per le dimissioni di Siri e poi la sera abbia abbandonato la Sindaca di Roma, esponente del suo Movimento, aggredita per aver provato a riaffermare lo Stato di Diritto a Casal Bruciato? E Di Maio abbandona Raggi senza nemmeno il coraggio di una comunicazione formale”.

“La solidarietà- sottolinea- un capo la dà subito, soprattutto dopo la gravità di quanto accaduto a Virginia Raggi. Un leader, non uno che si guarda continuamente intorno per capire cosa conviene dire e cosa tacere. Di Maio non capisce la posta in gioco, getta briciole di pane al popolo in cambio dell’avanzata del fascismo a Roma. Blatera di onestà, ma nulla dice sulla lesione progressiva della democrazia liberale.

A Roma, attacca ancora Saviano, “c’è una Prefetta nominata da Salvini, Gerarda Pantalone, che sta consentendo a dei fascisti di minacciare di morte donne e bambini nel loro pieno diritto. Sta consentendo una visibilità inimmaginabile alla violenza di CasaPound, mentre Di Maio se la prende con Virginia Raggi, vittima di minacce e offese inaccettabili e, in maniera ancora più offensiva, oggi si sveglia antifascista“.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Casal Bruciato, da Casapound insulti a madre rom con bimba: “Troia, ti stupriamo”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»