Scontro Renzi-Grillo sui rifiuti; M5s in pressing su legge elettorale; Giro: “Bene Macron ma Europa non salva”

[video width="800" height="452" mp4="http://www.dire.it/wp-content/uploads/2017/05/tg-politico-9mag.mp4" poster="http://www.dire.it/wp-content/uploads/2017/02/tg_politico.jpg"][/video] Ecco titoli e tg politico realizzato dall'agenzia DIRE: RENZI-GRILLO, SCONTRO SUI RIFIUTI A ROMA
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Ecco titoli e tg politico realizzato dall’agenzia DIRE:

RENZI-GRILLO, SCONTRO SUI RIFIUTI A ROMA

Pd e M5s ai ferri corti sul caso dei rifiuti a Roma. Matteo Renzi ricorda l’appuntamento di domenica mattina, quando le ‘magliette gialle’ ripuliranno la citta’ per poi presentare le proposte del partito. “La città e’ invasa dai rifiuti e l’amministrazione comunale e’ incapace di dare risposte”, attacca il segretario del Pd. Beppe Grillo, sul blog, ricorda le responsabilita’ dei Democratici: “La gestione dei rifiuti di Roma e’ stata gestita dal Pd con Mafia Capitale per anni”, dice Grillo e accusa la stampa e i partiti di sparare bufale ad arte. “Noi non abbiamo tempo da perdere”, conclude.

GENTILONI: ORGOGLIOSI DELLA NOSTRA SANITA’

Paolo Gentiloni in Emilia, dove ha incontrato i sindaci dei comuni colpiti dal sisma del 2012, i lavoratori della Magneti Marelli ed ha fatto visita all’ospedale Maggiore. Ai primi cittadini il presidente del consiglio ha detto che “possono contare sul governo” per completare la ricostruzione. Il premier ha poi elogiato la Magneti Marelli, che ha aumentato del 20% gli occupati, all’insegna dello slogan teniamo botta. Ed ha funzionato. Dopo una pausa pranzo trascorsa in autogrill, tra strette di mano e selfie, Gentiloni ha fatto visita al Laboratorio metropolitano dell’ospedale Maggiore di Bologna, dove ha spiegato che “bisogna essere orgogliosi della sanità italiana. L’accesso al sistema sanitario per tutti i cittadini- ha detto- è una base della nostra convivenza”.

LEGGE ELETTORALE, CINQUE STELLE IN PRESSING

Confermato il termine di giovedi’ per la presentazione del testo base sulla legge elettorale. Oggi i Cinque Stelle hanno incontrato il presidente della commissione affari costituzionali Andrea Mazziotti e hanno ribadito la linea del confronto col Pd. “Noi ci siamo. Partiamo da una sintesi tra il legalicum e la proposta del Pd a firma Fragomeli”, spiega Danilo Toninelli dei Cinque Stelle. Il Partito democratico sara’ ‘audito’ da Mazziotti nelle prossime ore. Poi la parola passera’ alla commissione affari costituzionali. L’approdo in aula della legge elettorale e’ previsto per il 29 maggio.

VICEMINISTRO GIRO: MACRON INSEGNA, CON ESTREMISMO SI PERDE

“Con l’estremismo di destra si perde” e Berlusconi e il centrodestra “devono darsi una politica precisa, con delle soluzioni. Non si puo’ solo dire di no”. La sconfitta in Francia di Marine Le Pen per il viceministro agli Affari esteri Mario Giro dimostra che posizioni troppo dure e intransigenti su temi d’attualita’ non porta alcun vantaggio: “Prendiamo il caso dei migranti, la polemica piu’ calda di questi giorni- sottolinea Giro- Il centrodestra non puo’ lasciarsi attirare da Salvini, che fa discorsi senza via d’uscita: vogliamo lasciar morire la gente in mare?”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»