Bandiere blu, Antonella Rizzo: “Risultato straordinario raggiunto dai Comuni di Roseto Capo Spulico e di Soverato”

Diventano 7 i Comuni calabresi che hanno ottenuto il riconoscimento per il mare più pulito
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

mareAntonella Rizzo esprime grande soddisfazione per le due nuove bandiere blu conquistate dalla Calabria nel 2017.  Adesso – informa una nota – sono ben sette i Comuni calabresi riconosciuti dalla UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente), UNWTO (Organizzazione Mondiale del Turismo) e la FEE Italia (Foundation for Environmental Education) ad avere ottenuto l’ambito riconoscimento per il mare più pulito.

“Un risultato straordinario quello raggiunto dai Comuni di Roseto Capo Spulico e di Soverato – ha dichiarato l’Assessore Rizzo – che ci rende orgogliosi e ci spinge a lavorare sempre meglio, nella consapevolezza che, la valorizzazione della risorsa ambiente restituisce dignità alla Calabria nei termini di uno sviluppo sostenibile che deve passare necessariamente dalla salubrità del suo mare. E’ dunque di fondamentale importanza tutelare il mare, rispetto alla cui salute, come Regione Calabria, stiamo profondendo un importante impegno in stretta collaborazione con i Comuni.

Un plauso dunque ai sindaci Rosanna Mazzia di Roseto Capo Spulico ed Ernesto Francesco Alecci di Soverato, new entry nella competizione, per aver fatto sì che anche quest’anno potessimo registrare un ulteriore miglioramento della situazione complessiva. Si tratta in realtà di un percorso virtuoso che come Giunta Regionale, attraverso la forte spinta del Presidente Oliverio, molto sensibile alle tematiche ambientali, abbiamo favorito e che spinge le amministrazioni locali ad un continuo miglioramento”.

“Certamente tutto ciò è reso possibile da una nuova coscienza ambientale i cui risultati, tuttavia, non erano affatto scontati se si considera che, i requisiti per il raggiungimento del mare pulito, vengono aggiornati ogni anno anche con il supporto dell’Ispra. Tali criteri passano non solo attraverso la depurazione ma considerano anche altre importanti misure – sottolinea Rizzo – che riguardano per esempio la gestione dei rifiuti e quindi l’introduzione, su scala regionale, della raccolta differenziata, la pulizia delle spiagge ed in generale la valorizzazione delle coste, i servizi offerti ai turisti, con uno sguardo particolare al turismo diversamente abile.

Tutte queste azioni sono all’ordine del giorno dell’Agenda del Dipartimento Ambiente ed è grazie al sinergico lavoro svolto dai sindaci dei Comuni calabresi che si sono raggiunti risultati encomiabili come il raggiungimento di sette bandiere blu. Il mare rimane dunque una risorsa fondamentale per il rilancio turistico della Calabria, regione sempre più in pole position nella classifica dei mari più belli d’Italia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»