Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Emiliano: contro il gasdotto Tap andremo per vie giudiziarie (VIDEO)

"Tenteremo tutti i rimedi possibili, per via giudiziaria, per evitare che Tap approdi a San Foca". Lo ha
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

“Tenteremo tutti i rimedi possibili, per via giudiziaria, per evitare che Tap approdi a San Foca”. Lo ha detto Michele Emiliano a margine dell’ultima delle sue “sagre di programma” a Barletta. Il candidato del centrosinistra a guidare la Regione Puglia risponde così alla chiusura del ministro della Giustizia Andrea Orlando (pur suo “grande elettore”) che ieri a Bari aveva detto: “Quando Emiliano sarà governatore la questione Tap sarà già chiusa, improbabile che il Consiglio dei Ministri torni sui suoi passi”.

“Una frase infelice”, dice Emiliano. Che attacca: “Orlando mi ha dato una brutta notizia sulla Tap. Mi conoscono, per questo stanno anticipando i tempi. Di questi giochetti ne ho subiti tanti. Ma io andrò fino in fondo, non urlando, ma per le vie giudiziarie. E se qualcuno pensa che dobbiamo giocare una partita diversa su un altro tavolo, visto che anche all’interno del Pd c’è una corrente “sì-Tap”, lo dica e ci confronteremo. Tutta la Puglia non vuole l’approdo Tap a San Foca e mi auguro che l’amministrazione Vendola nei suoi ultimi giorni non si faccia scavalcare dalle decisioni del governo”.

Nel frattempo si parla di ulteriori tagli per 230 milioni alla regione. Un ulteriore motivo di contrasto con il governo. “Se qualcuno – dice Emiliano – pensa di rimediare alla sentenza della Corte Costituzionale sulle pensioni toccando i fondi per il mezzogiorno, avrà a che fare con la Puglia e se sarò presidente anche con me. E sono in contrasto con il governo anche per il ddl sulla scuola, io non ci sto e vorrei che fosse chiaro a tutti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»